Bancarotta e autoriciclaggio, sequestrato oltre un milione di euro

Tre commercianti di opere d'arte tra la Calabria e Pisa riciclavano denaro attraverso una società in stato di fallimento, usata per contenere l'indebitamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:49

Bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Sono le accuse rivolta a tre persone residenti nelle province di Reggio Calabria, Cosenza e Pisa contenute in un’ordinanza, notificata agli interessati dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria. La stessa ordinanza dispone l’applicazione di misure interdittive del divieto di esercitare la professione di imrpesa e il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di un milione 146 mila euro.

Come veniva commesso il reato

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Quaranta, su richiesta della Procura diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri nell’ambito di un’operazione coordinata dall’Aggiunto Gerardo Dominijanni e dal sostituto Nunzio De Salvo. Si tratta dell’epilogo di un’indagine condotta dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Reggio Calabria in relazione alle condotte illecite realizzate mediante una società operante nella commercializzazione di opere d’arte sul territorio nazionale, dichiarata fallita dal Tribunale di Reggio Calabria.

L’attività investigativa ha riguardato oltre dieci anni di attività e ha permesso d’individuare consistenti prelievi di denaro contante e ingiustificati ordini di bonifico in proprio favore, per un totale complessivo di circa un milione 150 mila euro. I tre indagati, secondo quanto emerso, dopo aver distratto le somme dalla vecchia compagine, hanno costituito una società esercente la medesima attività economica che, nel tempo, si è sostituita in continuazione alla fallita che, nel frattempo, era stata artificiosamente ceduta ad un prestanome nullatenente domiciliato a Reggio Calabria. Con il coinvolgimento di altri soggetti, la società fallita è diventata contenitore dell’indebitamento ed è stata svuotata di tutto l’attivo patrimoniale.

Gli approfondimenti delle indagini hanno permesso di ricostruire la sponsorizzazione fittizia di una società di calcio dilettantistica operante nella zona nord della città di Reggio Calabria, riconducibile ad uno dei tre sodali per circa 150 mila euro. La sponsorhip era attuata al solo scopo di giustificare l’uscita di liquidità dalle casse della società.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.