Scoperta una mummia egiziana incinta, è la prima volta

La scoperta tra i reperti del Museo nazionale di Varsavia, il feto visto in radiografia: non era mai accaduto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:58
Foto Oleyk Leyda tramite Rainews

A lungo si è pensato fosse un sacerdote mummificato. Ulteriori studi hanno invece rivelato che si tratta della mummia di una donna egiziana incinta ed è la prima volta che i ricercatori fanno una simile scoperta. La novità emerge in un articolo appena pubblicato sul Journal of Archeological Science ed è frutto del lavoro di esperti del Museo Nazionale di Varsavia. Lo riferiscono i media internazionali e lo riporta Ansa.

Una ricerca iniziata nel 2015

Il progetto era stato lanciato nel 2015 e basato su reperti custoditi nello stesso museo della capitale polacca. Gli esperti ritengono che i resti oggetto di studio siano attribuibili ad una donna di elevato rango sociale, fra i 20 e i 30 anni di età, vissuta nel primo secolo AC. “Qui abbiamo l’unico esempio noto di una donna incinta mummificata e le prime immagini radiologiche del feto”, si legge nell’articolo pubblicato sulla rivista scientifica. E sulla base della circonferenza del cranio del feto questo potrebbe avere avuto fra 26 e 30 settimane al momento della morte della madre, le cui ragioni restano sconosciute.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.