Aveva offeso il “boss” di Bagheria ed era stato pestato: arrestati i responsabili

I Carabinieri hanno arrestato i tre responsabili che avevano pianificato anche l'omicidio del "ribelle", che aveva contestato l'autorità del boss mafioso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05
Carabinieri
Foto © Pixabay

Tre persone sono state arrestate a Bagheria per il pestaggio nei confronti di un uomo che aveva messo in discussione l’autorità del boss del paese. Un “avvertimento” che non era bastato e che avrebbe dovuto essere seguito dall’uccisione del “ribelle”.

I Carabinieri del comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip su richiesta della Dda palermitana, nei confronti di Nicolo Cannata, 25 anni, Emanuele D’Apolito, 28 anni, Ivan Salerno, 30 anni, accusati di lesioni personali aggravate dal metodo mafioso.

L’attività d’indagine svolta nell’ambito dell’operazione ‘Persefone’, che ha portato all’arresto lunedì scorso di 8 persone tra vertici ed elementi di spicco della famiglia mafiosa di Bagheria, ha anche permesso di ricostruire, nel dettaglio, il grave pestaggio dello scorso agosto di Fabio Tripoli, un giovane che aveva contestato pubblicamente il nuovo capo della famiglia Massimiliano Ficano.

Tripoli era stato selvaggiamente picchiato da persone armate di ‘cazzottiere’. Il giovane infatti, aveva fatto sapere di volere dare fuoco a un locale da poco inaugurato da Massimiliano Ficano, ritenuto reggente della famiglia mafiosa di Bagheria, e si era anche armato di un’accetta, sequestrata dai militari durante la perquisizione nel corso dei fermi di lunedì. L’aver messo pubblicamente in discussione l’autorità criminale di Ficano ha portato a deliberare e pianificarne l’omicidio. I destinatari dell’odierna ordinanza di custodia cautelare sono adesso nel carcere “Lorusso-Pagliarelli” di Palermo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.