Anche Barbie e Ken diventano gay?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

L'agenda lgbt, che si sta imponendo sul mercato, rischia di mandare in soffitta anche una coppia storica nel mondo dei giocattoli. Barbie e Ken potrebbero presto diventare obsoleti, cedendo il passo all'omosessualità dopo 57 anni di storia insieme. Negli anni le sembianze sono cambiate e si sono evolute con il tempo, con le mode, con il politicamente corretto: si è così assistito a versioni delle due bambole con capelli colorati o con la pelle nera, con fisici robusti o acconciature pittoresche, ma finora mai è stata commercializzata una versione omosessuale.

La prima volta potrebbe accadere presto. Due uomini degli Stati Uniti, omosessuali pronti a convolare a nozze, desideravano regalare alla loro nipotina un set di Barbie che simboleggiasse la loro unione. Ma niente da fare, nei negozi non hanno trovato confezioni con all'interno Barbie o Ken accoppiati con un pupazzo dello stesso sesso. “Quando abbiamo visto i giocattoli in esposizione, Nick e io ci siamo guardati e abbiamo pensato all’unisono che non ci sentivamo connessi con nessuno di quei giochi“, ha spiegato uno dei due. Così hanno deciso di acquistare due confezioni di Barbie e Ken sposi, dopo di che hanno tolto da una delle due confezioni Barbie sostituendola con il Ken prelevato dall'altra confezione. Poi hanno pubblicato la foto sui social network ricevendo numerosi riscontri di vario tipo. Tra questi, è arrivato anche quello della Mattel. L’azienda ha contattato la coppia rendendosi disponibile a trasformare la confezione in realtà per tutti i consumatori. L'incontro con la celebre azienda di giocattoli dovrebbe avvenire ad inizio gennaio a Los Angeles. “Siamo al settimo cielo per tutti i riscontri positivi che abbiamo ricevuto – spiega alla Cnn uno dei due ideatori dell'iniziativa -. Vogliamo davvero solo ringraziare tutte le persone là fuori per aver creduto nel nostro messaggio che l'amore è amore“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.