Verso la Settimana Santa: cosa è possibile fare?

Secondo una nota della Direzione centrale degli Affari dei Culti del Ministero dell’Interno, inviata alle Prefetture, frutto della interlocuzione tra la Segreteria generale della Cei, la Presidenza del Consiglio e lo stesso Ministero dell’Interno è stato manifestato il disagio di molti fedeli, limitati nel poter professare i sacramenti pasquali, e sono state delineate delle direttive precise alle quali attenersi.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:25

La Settimana Santa è alle porte, sei giorni che ci porteranno al momento più importante: il giorno della Resurrezione del Signore. Una giornata dal significato intenso che mai come quest’anno porta con sé un carico di preghiere e speranze maggiori del solito. Sarà una settimana silenziosa, senza celebrazioni, senza funzioni e processioni. Non ci sarà la possibilità di scambiarsi il ramoscello di ulivo il giorno della Domenica delle Palme né di andare in Chiesa il giovedì sera, per pregare davanti l’Altare della Reposizione. Eppure secondo una nota della Direzione centrale degli Affari dei Culti del Ministero dell’Interno, inviata alle Prefetture, frutto della interlocuzione tra la Segreteria generale della Cei, la Presidenza del Consiglio e lo stesso Ministero dell’Interno è stato manifestato il disagio di molti fedeli, limitati nel poter professare i sacramenti pasquali, e sono state delineate delle direttive precise alle quali attenersi per capire cosa fare o non fare.

 

Si potrà celebrare la Santa Messa?

SI. Si è deciso che, per garantire un minimo di dignità alla celebrazione, accanto al celebrante sia assicurata la partecipazione di un diacono, di chi serve all’altare, oltre che di un lettore, un cantore, un organista ed, eventualmente, due operatori televisivi, considerato che non ci sarà la partecipazione di fedeli ma che le funzioni liturgiche verranno trasmesse in tv o in streaming. Su questa linea l’Autorità governativa ha ribadito l’obbligatorietà che siano rispettate le misure sanitarie, a partire dalla distanza fisica.

Coloro che si recheranno in Chiesa per svolgere le funzioni sopra menzionate, che disposizioni dovranno avere? Servirà un’autocertificazione?

SI. I partecipanti alla funzione religiosa avranno un giustificato motivo per recarsi dalla propria abitazione alla sede ove si svolge la celebrazione e, ove coinvolti in controlli o verifiche da parte delle Forze di polizia, attraverso l’esibizione dell’autocertificazione o con dichiarazione rilasciata in questo senso dagli organi accertatori, non incorreranno nella contestazione e nelle relative sanzioni correlate al mancato rispetto delle disposizioni in materia di contenimento dell’epidemia da Covid-19. “Il servizio liturgico – precisa infatti il Ministero dell’Interno – pur non essendo un lavoro, è assimilabile alle “comprovate esigenze lavorative”: perciò “l’autocertificazione dovrà contenere il giorno e l’ora della celebrazione, oltre che l’indirizzo della Chiesa ove la celebrazione si svolge. Resta fermo il fatto che debbano essere rispettate “opportune distanze e cautele”.

I matrimoni possono essere celebrati, fin quando l’emergenza non sarà finita definitivamente?

SI:  Ma alla sola presenza del celebrante, dei nubendi e dei testimoni purché siano rispettate le prescrizioni sulle distanze tra i celebranti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.