Usa: Biden continua a confiscare terreni per il muro con Messico

Sequestrati nei giorni scorsi 2,4 ettari a una famiglia in Texas; il nuovo presidente aveva promesso di non proseguire nella costruzione del muro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:42

Nonostante le promesse fatte in campagna elettorale, l’amministrazione di Joe Biden sta continuando a confiscare terreni lungo il confine tra Stati Uniti e Messico per la costruzione del muro che divide i due paesi.

La barriera anti-clandestini è stata uno dei cavalli di battaglia del suo predecessore Donald Trump, ma l’attuale presidente Usa aveva assicurato ai suoi elettori che non avrebbe eretto nemmeno “un altro centimetro di muro”. Secondo Politico, invece, proprio questa settimana il dipartimento di Giustizia ha sequestrato 2,42 ettari di terreno ad una famiglia nella contea di Hidalgo, in Texas, come risultato di uno dei casi giudiziari dell’era Trump. L’amministrazione Biden, tuttavia, non ha mai chiesto di archiviare il caso. “Sono molto, molto deluso da Biden. Pensavo fosse un uomo di parola, ma a quanto pare non sta mantenendo la sua promessa”, ha detto Reynaldo ‘Rey’ Anzaldua Cavazosun, membro della famiglia la cui terra è stata confiscata. “Ha detto ‘nemmeno un centimetro di muro e nessuna confisca’ – ha proseguito – Lo abbiamo preso in parola e vogliamo che la mantenga”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.