Sindacati in piazza san Giovanni a Roma per la manifestazione “Mai più fascismi”

Oggi il raduno per la manifestazione "Mai più fascismi" indetta da Cgil, Cisl e Uil  in seguito della guerriglia urbana del 9 ottobre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05

Si sta lentamente colorando con le bandiere e gli slogan dei sindacati Piazza San Giovanni, a Roma, dove è previsto il raduno dei partecipanti alla manifestazione “Mai più fascismi” indetta da Cgil, Cisl e Uil. Un elicottero sorvola dalle prime ore della mattina la Capitale, ma la situazione è tranquilla.

La manifestazione “Mai più fascismi”: il programma

La manifestazione nazionale “Mai più fascismi: per il lavoro, la partecipazione, la democrazia” è stata organizzata da Cgil, Cisl e Uil a Roma indetta unitariamente dopo l’assalto di sabato scorso alla sede della Cgil considerato un attacco a tutto il sindacato confederale, al mondo del lavoro e alla democrazia. Per l’attacco, sono state arrestate 12 persone.

L’appuntamento di oggi è in piazza San Giovanni alle 14. Sono attesi 10mila manifestanti in corteo e 50mila nella piazza: prima della manifestazione è infatti previsto un concentramento a piazza dell’Esquilino alle 10.30, punto di ritrovo in particolare per quanti arrivano da fuori Roma, da dove si muoveranno intorno alle 12.30 per raggiungere piazza San Giovanni.

Sono stati organizzati 800 pullman provenienti da tutta Italia, 10 treni speciali, più qualche volo dalle isole, oltre a quanti si muoveranno con mezzi propri, hanno fatto sapere i sindacati considerando “importante la risposta all’appello” delle tre organizzazioni confederali.

La scaletta degli interventi: pensionati, lavoratori e segretari

Sul palco si alterneranno gli interventi di una pensionata della Uil, del segretario generale della Cisl Luigi Sbarra, di una lavoratrice della sanità delegata Cgil, del segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri, di una lavoratrice del commercio delegata Cisl, del segretario generale della Ces Luca Visentini. Concluderà il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

L’Esquilino si riempie di bandiere rosse

Una prima parte della manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil è partita dall’Esquilino che dalle prime ore del mattino si è tinta dei colori dei sindacati. Nello specifico, all’Esquilino si sono raccolti principalmente gli iscritti alla Cgil provenienti da tutta Italia, con bandiere rosse e manine di plastica che, se agitate, danno l’effetto di un applauso. Ad aprire questo spezzone di corteo è stato lo striscione con su scritto: “La Cgil resiste! Mai più fascismi”. Dopo poco, il corteo ha raggiunto Piazza San Giovanni, da questo pomeriggio si alterneranno gli interventi dal palco dei segretari confederali e le testimonianze dei lavoratori.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.