San Gavino Monreale, i carabinieri scoprono e sequestrano un laboratorio della droga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

Un vero e proprio laboratorio della droga è stato scoperto e sequestrato a San Gavino Monreale (Su), in una casa del centro. I carabinieri hanno trovato 35 scatoloni pieni di infiorescenze di Marijuana per un peso totale di 105 chilogrammi. 

I fatti

I Carabinieri della locale Stazione, nel corso di normali servizi di controllo del territorio, quando sono passati davanti all’abitazione, in pieno centro a San Gavino Monreale, seppur vagamente, hanno percepito il classico odore dolciastro della marijuana. Insospettiti, hanno deciso di seguire i movimenti dell’uomo con pedinamenti e appostamenti.

La scoperta

Dopo aver avuto conferma che nella casa si svolgevano attività illecite hanno fatto scattare l’operazione. In una stanza situata al piano superiore dell’abitazione, hanno rinvenuto 35 scatoloni pieni di infiorescenze di marijuana per un peso totale di 105 chilogrammi. Lo stupefacente era in parte sfuso ed in parte già confezionato sotto vuoto per la vendita.

Inoltre è stato individuato anche un magazzino di circa 20 mq, perfettamente attrezzato per la lavorazione del prodotto. Il locale era dotato di un impianto di estrazione dell’aria completo di filtri, lampade alogene a soffitto, quattro ventilatori a piantana, stufe elettriche e deumidificatori. Nel corso dell’intervento, inoltre, i militari hanno trovato due macchine per il sottovuoto con le relative buste e altro materiale per il confezionamento.

Il giro d’affari

Lo stupefacente, se immesso nel mercato, avrebbe fruttato oltre 400.000 euro. A finire in manette F. C., 62ennne disoccupato del luogo, beneficiario del reddito di cittadinanza. L’arrestato, dopo le formalità di rito, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato trasferito nella casa circondariale di Uta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.