La riforma Cartabia sull’ordinamento giudiziario e il Csm è legge: il Senato vota Sì

Il Senato ha approvato la riforma Cartabia sul Csm e l'ordinamento giudiziario con 173 voti a favore, 37 contrari e 16 astenuti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:59

L’aula del Senato ha approvato definitivamente la riforma Cartabia sul Csm e l’ordinamento giudiziario con 173 voti a favore, 37 contrari e 16 astenuti. La riforma ora è legge.

Il passaggio alla Camera

La Camera aveva approvato lo scorso 4 maggio il disegno di legge (A.C. 2681-A, ora A.S. 2595) che delega il Governo a riformare l’ordinamento giudiziario e ad adeguare l’ordinamento giudiziario militare e introduce nuove norme, immediatamente precettive, in materia ordinamentale, organizzativa e disciplinare, di eleggibilità e ricollocamento in ruolo dei magistrati e di costituzione e funzionamento del Consiglio superiore della magistratura. Oggi il provvedimento è stato approvato dal Senato.

La riforma Cartabia in breve

Il Capo I della cosiddetta riforma Carabia prevede una “delega al Governo per la riforma ordinamentale della magistratura”, le procedure per il suo esercizio e definisce i principi e criteri dell’intervento riformatore.

In particolare, la delega mira: alla revisione, secondo principi di trasparenza e di valorizzazione del merito, dei criteri di assegnazione degli incarichi direttivi e semidirettivi; alla riduzione degli incarichi semidirettivi; alla riforma del procedimento di approvazione delle tabelle organizzative degli uffici giudiziari; alla revisione dei criteri di accesso alle funzioni di legittimità; alla riforma delle procedure di valutazione di professionalità dei magistrati; all’istituzione del fascicolo per la valutazione del magistrato, da tenere in considerazione oltre che in sede di verifica della professionalità anche in sede di attribuzione degli incarichi direttivi e semidirettivi; ad intervenire sulla disciplina dell’accesso in magistratura, dettando principi e criteri direttivi volti ad abbandonare l’attuale modello del concorso di secondo grado, così da ridurre i tempi che intercorrono tra la laurea dell’aspirante magistrato e la sua immissione in ruolo; al riordino della disciplina del fuori ruolo dei magistrati ordinari, amministrativi e contabili.

Cartabia: “Ringrazio partiti per impegno e disponibilità”

“Solo pochi mesi fa le camere rispondevano con un lungo applauso all’appello del presidente Matterella che sollecitava l’approvazione di questa riforma”, ha detto la ministra Marta Cartabia in aula al Senato prima dell’inizio delle dichiarazioni di voto sulla riforma del Csm.

“Oggi siamo qui per mantenere l’impegno di trasformare in legge un provvedimento che viene da lontano e che è stato costruito con il contributo di molti. Un provvedimento preceduto da un lungo lavoro, non semplice, portato avanti con il cotnributo di molti. Ringrazio ciascuna forza politica – ha aggiunto – per l’impegno e la disponibilità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.