Polonia, premier convoca l’esercito contro i manifestanti pro-aborto

Polonia: Mateusz Morawiecki ha chiesto l’aiuto dell’esercito per rispondere alle “barbarie, aggressioni e vandalismi” dei manifestanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:45
Disordini in Polonia

Migliaia di cittadini sono scesi in strada, per la sesta notte consecutiva, per protestare dopo la nuova pronuncia della Corte costituzionale che vieta l’aborto eugenetico.

Premier Morawiecki

Il premier polacco Mateusz Morawiecki è intervenuto condannando i cortei e chiedendo l’aiuto dell’esercito per rispondere alle “barbarie, aggressioni e atti di vandalismo”, affermando di temere “l’escalation della tensione sociale”.

I manifestanti hanno infatti colpito chiese, imbrattato edifici di culto, interrotto messe e aggredito alcuni fedeli. A Poznan, dove ha sede monsignor Stanislaw Gadecki, presidente della conferenza di vescovi, per far uscire i giovani dalla cattedrale è dovuta intervenire la polizia.

Polonia in fiamme

Il vicepremier e leader del partito al governo Pis (Diritto e Giustizia), Jaroslaw Kaczynski, ha invitato i suoi sostenitori a scendere in strada a loro volta per “difendere le chiese”. “È arrivato il tempo in cui dobbiamo saper dire no a chi vuole distruggerci, difendiamo la Polonia!”, ha tuonato Kakzynski, sollecitando “seguaci e simpatizzanti a difendere la chiese, attaccate per la prima volta nella storia della Polonia”.

Coronavirus

Intanto il Coronavirus prosegue a diffondersi. Ieri si è toccato un nuovo record di 16.300 contagi e 130 morti in 24 ore. Il Paese è ormai per intero “zona rossa“, con un limite agli incontri di 5 persone. Anche il presidente polacco Andrzej Sebastian Duda è in isolamento dopo esser risultato positivo al virus.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.