L’appello pubblico di Matteo Salvini al Capo dello Stato

Il leader della Lega registra un video su Facebook, elencando cinque punti-richieste al Presidente della Repubblica: "E' ora di chiudere tutto"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:28

“Presidente Mattarella, ci rivolgiamo a lei perché altri non ci ascoltano, per chiedere a nome di milioni di italiani cinque interventi immediati”. Inizia così il videomessaggio di Matteo Salvini, che lancia via Facebook un appello al Presidente della Repubblica inoltrando al Colle una serie di richieste mirate per far fronte all’emergenza coronavirus che, oggi come ieri, ha registrato numeri tragici e impressionanti.

Lavoratori e tutele

Primo, ha spiegato il leader della Lega, “chiudere tutte le attività che non sono vitali per il Paese. Lo chiedono a gran voce, lo implorano medici, infermieri, anestesisti, imprenditori, lavoratori. E’ il momento di chiudere tutto e mettere in sicurezza la vita dei nostri figli”. Inoltre, “obbligare il governo a fornire di mascherine, camici e tutto il materiale sanitario necessario per gli operatori della sanità, i medici in trincea e le Forze dell’ordine. Non è possibile morire come servitori di uno Stato che ti dimentica”. Il terzo punto riguarda il “tranquillizzare tutti gli imprenditori e i lavoratori che sono chiusi a casa responsabilmente garantendo un anno di pace fiscale, moratoria fiscale, sospensione di tutte le tasse locali e statali per tutto il 2020″.

 

Europa e Parlamento

“Quattro – ha proseguito Salvini – svegliare un’Europa che dorme e che si ricorda dell’Italia e dei cittadini europei solo quando si tratta di incassare. Cinque: riaprire il Parlamento. Permettere a noi di svolgere il nostro mestiere come fanno tanti altri lavoratori in prima linea. Abbiamo voglia di portare a Roma idee, proposte, soluzioni e contributi. Presidente Mattarella, ci affidiamo a lei visto che altri non sembra abbiano voglia e tempo di ascoltarci”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.