ItalVolley, campione col cuore: il trionfo speciale delle azzurre all’Europeo

La delusione di Tokyo è già alle spalle, servita la rivincita contro la Serbia (a casa sua) in una finale senza storia: trionfo ItalVolley dopo 12 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:19
Italvolley Europei

Tokyo è già un ricordo. L’Italia della pallavolo femminile spiega in quattro set alla Serbia che il flop dell’Olimpiade era stato solo un episodio. Un trionfo dal sapore incredibile all’Europeo, con l’ItalVolley che allevia la delusione olimpica sfoderando una delle migliori prestazioni degli ultimi anni, in una Stark Arena di Belgrado con tifo tutto di casa. Finisce come in Rocky IV, col pubblico serbo partito per assistere al trionfo delle campionesse in carica e che finisce per applaudire le giocatrici ospiti. Inevitabile dopo il 25-11 di un ultimo set senza storia.

ItalVolley come Rocky

Non era facile per nulla per Egonu, Sylla e compagne. Perché tornare sul campo contro la Serbia (bronzo a Tokyo e campione in carica) di Tijana Boskovic e dopo la bruciante sconfitta di un mese fa era emotivamente pesante. Più che mai farlo all’infuocata Stark Arena, nel cuore di Belgrado. Pesante per tutti ma non per le ragazze di Davide Mazzanti, che soffrono solo il primo set. Giusto il tempo di ambientarsi e concedere l’illusione alle padrone di casa che passano 26-24. Un vantaggio risicato che parla chiaro. Le azzurre soffrono il giusto, pagano il buon parziale di Boskovic ma confermano che la musica rispetto all’Olimpiade è cambiata.

Missione Parigi

Il resto è storia. Anzi, è senza storia. L’ItalVolley subisce solo il 4-1 di partenza del terzo set ma Sylla ed Egonu (premiata come Mvp) si caricano la squadra sulle spalle: si va dall’8-3 al 18-14 che fa crollare le serbe. L’Italia chiude 22-25, 19-25, 11-25 e mette le mani su un titolo europeo che mancava dal 2009. Certo, a Tokyo l’obiettivo era un altro. Ma il titolo continentale è il punto di ricostruzione. Parigi è già nel mirino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.