Draghi alla Camera: “Sanzioni alla Russia efficaci, in estate sempre di più”

Il premier Mario Draghi ha parlato stamani alla Camera dopo le comunicazioni in vista del Consiglio europeo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:58

Le sanzioni [alla Russia, ndr] sono efficaci? Io ripeto quello che tutte le organizzazioni internazionali mi dicono, ho la sensazione e tutti i dati vanno in questa direzione, che diventino ancora più efficaci questa estate e tutti i segnali che arrivano dalla Russia danno l’evidenza che questo sta succedendo”. Così il premier Mario Draghi in sede di replica alla Camera dopo le comunicazioni in vista del Consiglio europeo. L’emiciclo stamani era quasi pieno, ma ai banchi del M5S – scosso dall’addio al Movimento di Luigi Di Maio – si sono visti dei banchi vuoti. Presentate alla Camera sei risoluzioni sulle comunicazioni del presidente del Consiglio in vista del prossimo Consiglio Europeo. Una è stata presentata dalla maggioranza.

Draghi alla Camera ripercorre il discorso fatto al Senato

Il premier, nelle comunicazioni alla Camera prima del Consiglio Europeo, ha ripercorso in sostanza (e come di consueto) il discorso fatto ieri pomeriggio al Senato senza sostanziali modifiche.

“Il Consiglio europeo del 23 e 24 giugno affronterà i seguenti temi: gli sviluppi della guerra in Ucraina e il sostegno europeo a Kiev; le ricadute umanitarie, alimentari, energetiche e securitarie del conflitto; gli aiuti a famiglie e imprese colpite dalla crisi; le prospettive di allargamento dell’Ue; i seguiti della Conferenza sul futuro dell’Europa”, ha esordito Draghi, riportato da Ansa.

“Ci avviciniamo al quarto mese dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio. Mosca continua ad aggredire militarmente città ucraine nel tentativo di espandere il controllo sul territorio e rafforzare la propria posizione – ha aggiunto -. I combattimenti a Severodoneck, nella regione di Luhansk, sono particolarmente feroci. Il bombardamento russo di Kharkiv, la seconda città più popolosa dell’Ucraina, aggrava il già terribile bilancio di morti e feriti. Al 20 giugno sono 4.569 civili morti, 5.691 quelli feriti secondo le nazioni unite. Ma il numero è certamente molto più alto”.

“Continuano a emergere nuove atrocità commesse ai danni dei civili da parte dell’esercito russo. Le responsabilità saranno accertate e i crimini di guerra saranno puniti. Anche il numero delle persone in fuga dal conflitto continua ad aumentare. Soltanto in Italia sono oltre 135 mila i cittadini ucraini arrivati dall’inizio dell’invasione”, ha aggiunto. “Vorrei infine ringraziare queste voci dissonanti, in particolare l’onorevole Fassina, Maniero perché effettivamente ci stimolano a riflettere su alcuni punti”, ha concluso il Premier.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.