Covid, Cina: in lockdown la provincia di Jilin e la città di Shenzhen, la “Silicon Valley cinese”

Il lockdown a Shenzhen rischia di bloccare ulteriormente le catene di approvvigionamento globale già messe a dura prova dalla pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:46

La Cina ha ordinato il maxi lockdown per tutti i 17 milioni di abitanti che risiedono a Shenzhen, città appartenente alla provincia di Guangdong, nella Cina continentale meridionale e per l’intera provincia di Jilin (24 milioni di abitanti) nella parte nord orientale del paese al confine con la Corea del Nord. Misure prese dalle autorità di Pechino in risposta al balzo dei nuovi casi di Covid di queste ore registrati nelle due distinte aree del Paese.

Shenzhen: la “Silicon Valley cinese”

La decisione è stata presa dopo il drastico aumento dei casi di Covid nella città, sede di giganti della tecnologia come Huawei e Tencent, tanto da essere chiamata la “Silicon Valley cinese”. La misura è stata annunciata dal governo di Pechino dopo che nelle ultime 24 ore erano stati rilevati 66 nuovi contagi; le autorità hanno quindi disposto che ogni abitante venga sottoposto a tre test.

In tutto il Paese, nelle ultime 24 ore, i casi rilevati sono stati quasi 3.400. Si tratta di numeri lontani da quelli registrati in altre nazioni del mondo, ma significativi per la Cina, in cui dall’inizio della pandemia è attiva una rigorosa politica “zero-Covid”, con l’obiettivo di eliminare tutti i focolai e le catene di trasmissione utilizzando – scrive SkyTg24 – una combinazione di controlli alle frontiere, test di massa e procedure di quarantena.

Il blocco delle catene di approvvigionamento

Il governo locale della città di Shenzhen ha chiesto ai residenti di restare nelle proprie abitazioni dopo il picco di contagi rilevato, in gran parte determinato dalla diffusione della variante Omicron del virus.

Già la scorsa settimana erano arrivate le prime avvisaglie, con la città che aveva deciso la chiusura di locali non essenziali e vietato i pasti nei ristoranti. Il lockdown imposto adesso, però, rischia di bloccare ulteriormente le catene di approvvigionamento globale già messe a dura prova dalla pandemia.

A confermarlo anche la notizia della sospensione delle attività, proprio a Shenzhen, da parte del gigante dell’elettronica taiwanese Foxconn, principale fornitore del colosso della tecnologia Apple.

In lockdown anche l’intera provincia di Jilin

Sempre oggi la Cina, dopo l’hub tecnologico di Shenzhen, mette in lockdown l’intera provincia di Jilin e i suoi 24 milioni di abitanti a causa del balzo dei casi di Covid (quasi 900 ieri), adottando le misure più vicine a quelle del 2020 per domare la pandemia nell’Hubei e nel suo capoluogo Wuhan.

Ai residenti, scrive Ansa riprendendo la nota delle autorità locali, è vietato di lasciare la provincia che confina con la Corea del Nord per lo stop temporaneo ai viaggi transprovinciali e transurbani a carico soprattutto dei residenti di Changchun e Jilin, le città più colpite.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.