Concessioni balneari, ecco le nuove regole

Oggi il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità due nuove norme in materia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:11

Il Consiglio dei Ministri riunitosi oggi ha dato il via libera in forma unanime ad un provvedimento concernente le concessioni balneari nonché i lidi a gara dal prossimo 2024. In particolare, lo stesso, si compone di due parti, ovvero una delega per il riordino dell’intero settore ed una proroga delle attuali concessioni fino alla data del prossimo 31 dicembre 2023.

I nuovi requisiti

In particolare, nei bandi di gara per le nuove concessioni, vi saranno procedure selettive in ossequio a quanto sancito dalle regole dell’Unione Europea. Oltre a ciò, nei futuri bandi di gara, dovranno essere previsti, un numero massimo di concessioni di cui si può essere titolari al fine di favorire l’accesso delle microimprese e delle piccole imprese, oltre agli enti del Terzo Settore, nonché clausole sociali con l’obiettivo di promuovere la stabilità occupazionale ed infine – come peraltro già previsto per legge, ma in passato oggetto di ripetute violazioni – è stata sancita l’importanza di garantire a tutti l’accesso al mare.

Gli obiettivi previsti

Gli obiettivi previsti da questo provvedimento sono quelli di assicurare un utilizzo maggiormente sostenibile del demanio marittimo, promuovere una maggiore concorrenza in materia di concessioni balneari e favorire la pubblica fruizione del mare rimuovendo gli ostacoli che la che la rendono difficoltosa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.