Continua la risalita del numero di casi positivi: il bollettino del 27 febbraio

La Regione con più casi è sempre la Lombardia (+4.191), seguita da Emilia Romagna (+2.542), Campania (+2.215) e Lazio (+1.347) 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:47

Sono 18.916 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, per un totale di 2.907.825 da inizio pandemia. Sono i dati diffusi oggi, 27 febbraio, dal ministero della Salute. Ieri i positivi erano stati 20.499.

Le vittime sono invece 280, in aumento rispetto alle 253 di ieri, per un totale di 97.507 da inizio pandemia. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 323.047, contro i 325.404 della rilevazione precedente, per un totale di 39.875.863 da inizio emergenza. Il tasso di positività scende quindi al 5,8% (ieri era al 6,3%).

Risalgono gli attualmente positivi

Continua la risalita del numero degli attualmente positivi, 7.302 in più (ieri +8.521), e sono 411.966 in tutto. Di questi, 391.378 pazienti sono in isolamento domiciliare, 7.200 in più di ieri. 11.320 sono i pazienti dimessi o guariti da ieri, per un totale di 2.398.352 pazienti dall’inizio della pandemia. Sono 102 i pazienti ricoverati nelle ultime 24 ore per un totale di 20.588. I pazienti che sono stati ricoverati in terapia intensiva crescono di 22 unità nelle ultime 24 ore, per un totale di 2.216.

Lombardia in testa

La Regione con più casi è sempre la Lombardia (+4.191), seguita da Emilia Romagna (+2.542), Campania (+2.215) e Lazio (+1.347). Il totale dei casi sale a 2.907.825. I guariti sono 11.320 (ieri 11.714), per un totale di 2.398.352.

Sardegna in zona bianca

Salgono a 41.114 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza: nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 87 nuovi contagi, scrive Repubblica.

La Sardegna in zona bianca “è un grande risultato, ottenuto grazie all’impegno di tutti i cittadini sardi, un punto di partenza piuttosto che di arrivo”. Così il governatore Solinas che invita a mantenere alta la guardia contro il virus, “affinché lo sforzo non sia vanificato da atteggiamenti imprudenti”. La zona bianca non è un invito al “liberi tutti”, sottolinea, “deve essere anzi interpretata come sprone alla massima responsabilità”. “Da questo risultato può scaturire una ripresa graduale di attività produttive”, conclude.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.