Bianchi: “Scuola in sicurezza con il green pass al personale scolastico”

Bianchi: "Il Green pass per il personale scolastico è un modo per tornare a scuola in sicurezza. La scuola è tornata al centro del dibattito"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18
Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi

“Crediamo che il Green pass per il personale scolastico sia un modo per tornare a scuola in sicurezza; sarà possibile anche presentare il tampone. Abbiamo inoltre un poderoso programma per intervenire sulle classi più numerose, sostenere in particolare i ragazzi delle ultime classi nel recupero di apprendimenti, interventi per la messa in sicurezza delle aule e accordi per i trasporti. L’intervento è ampio”. Lo ha detto a Uno Mattina Estate il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

“Fin da febbraio – ha continuato Bianchi – siamo intervenuti per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, la programmazione delle risorse del Pnrr è di 5 -6 anni, con la previsione anche di scuole nuove. E da marzo-aprile lavoriamo per la scuola in presenza”.

Bianchi: “La scuola è tornata al centro del dibattito”

“Oltre 1 milione e 100 mila ragazzi tra medie e superiori – ha proseguito Bianchi su Uno Mattina, riportato da Ansa – hanno fatto da giugno gli esami in presenza e in presenza è stato il Piano estate; 7500 plessi hanno partecipato alle iniziative estive. Oltre 75 mila nuovi insegnanti quest’anno saranno di ruolo e 410 milioni possono permettere alle scuole di affrontare le problematiche della sicurezza. La scuola è tornata al centro del dibattito.

“La scuola è anche vita sociale, con il Piano estate abbiamo permesso ai ragazzi di ritrovarsi; a settembre la scuola non sarà solo in presenza ma con le persone presenti. Il Covid ha accentuato dati di abbandono scolastico già molto alti, noi proponiamo la scuola come luogo aperto per il territorio; il recupero della dispersione si ottiene con una didattica mirata, più laboratoriale, organizzata sui bisogni delle persone, pensando ad una scuola che non fa una selezione ma un accompagnamento”, ha concluso il ministro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.