UN MESSAGGIO SULLA SEGRETERIA DI WHATSAPP: UNA TRUFFA PER DIFFONDERE UN NUOVO VIRUS

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

Un nuovo virus ha messo in allarme i milioni di utenti dell’app di messaggistica istantanea più diffusa la momento. In realtà non è direttamente Whatsapp ad essere a rischio, ma in queste ore sta circolando una mail che sfrutta la popolarità del servizio. Molti utenti, in Italia e non solo, stanno ricevendo un’e-mail apparentemente proveniente proprio da WhatsApp, che li invita ad ascoltare un messaggio audio lasciato da qualcuno nella segreteria dell’applicazione. Il mittente che appare è proprio WhatsApp.

Grafica e colori sono molto simili a quelli della app, ma controllando più attentamente si scopre che la mail è stata inviata da indirizzi che non hanno nulla a che fare con il servizio di messaggistica. Il fatto che il mittente sia estraneo al servizio e che la app non sia dotata di segreteria, dovrebbe già insospettire gli utenti. Comunque dopo aver aperto la mail si viene reindirizzati a una pagina piena di malware che “infesteranno” il dispositivo.

L’obiettivo degli hacker è quello di prendere il controllo di alcune app per poi chiederne il “riscatto” per sbloccarlo. I software che compiono questa operazione vengono denominati “ransomware” e sono sempre più diffusi in quanto facili da realizzare e molto redditizi.

La diffusione di questo tipo di virus è molto veloce, proprio grazie all’elevato numero di utenti che la utilizza e grazie alla rapidità con cui vengono consegnati i messaggi. Ma per fortuna per non incorrere in spiacevoli imprevisti esiste una soluzione molto semplice: cestinare la mail, senza cliccare il sul link che viene presentato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.