LUNEDÌ 01 GIUGNO 2015, 10:45, IN TERRIS

STOP AL FUMO A PECHINO, MULTE E "GOGNA MEDIATICA" PER I TRASGRESSORI

Chi viene sorpreso a trasgredire le nuove norme per tre volte sarà inserito per un mese in un sito governativo online e visibile a tutti

AUTORE OSPITE
STOP AL FUMO A PECHINO, MULTE E
STOP AL FUMO A PECHINO, MULTE E "GOGNA MEDIATICA" PER I TRASGRESSORI
Basta fumare in pubblico. E' la nuova legge contro il fumo che Pechino ha messo in campo a partire a da oggi. Nente più spazio per i tabagisti negli edifici pubblici, nelle metropolitane, nei bar o nelle scuole. E' anche stato deciso un aumento delle sanzioni per chi dovesse accendersi una sigaretta vicino agli ospedali o nel raggio di 100 metri dalle scuole, oltre che una serie di punizioni originali.

Per chi viola le nuove regole è prevista una multa di circa 30 euro, mentre per i gestori di locali che non faranno rispettare il divieto la sanzione sale fino a 1.500 euro. Inoltre il nuovo regolamento prevede che chi viene sorpreso a fumare per più di tre volte sarà inserito in un sito governativo per un mese, insomma una specie di "gogna mediatica". In più il governo di Pechino ha anche annunciato l'apertura di una linea telefonica dove sarà possibile compiere denunce anonime nei confronti di persone, lcali e società che non esigono e che non rispettano il divieto.

La Cina detiene il primato di essere sia il più grande produttore che consumatore mondiale di tabacco, con una popolazione di 300 milioni di fumatori. Inoltre di recenti sono stati vietati tutti gli spot legati dei prodotti legati al tabacco e messaggi contro il fumo sono comparsi in tutta Pechino, su dei cartelloni rosso brillante comunemente associati agli slogan ufficiali del Partito comunista.

In più sono state alzate le tasse sulla produzione del tabacco che conseguenza porterà ad un innalzamento del costo del sigarette, che attualmente costano dai 2 ai 7 euro. Per la Cina, quello del fumo è oramai un problema di salute, infatti secondo alcuni calcoli, sono più di un milione le persone che ogni anno muiono per patalogie legate al consumo di tabacco.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android