Roma Città Aperta inaugura un Natale di solidarietà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04

Roma Città Aperta sta promuovendo tantissime iniziative nel segno della solidarietà muovendosi su tre fronti: “Diamoci la mano”, un progetto di sport integrato per disabili; “Amici per la…pelle”, sull’integrazione tecnica nella scuola e infine “Natale di solidarietà”, che riguarderà l’assistenza nelle case famiglia.

Il Delegato Provinciale del Coni Alessandro Fidotti ha commentato così questa iniziativa: “Queste strutture svolgono un ruolo straordinario nel tessuto sociale nel nostro territorio, spesso è proprio lo sport a fare da collante per bambini, giovani, famiglie che vivono situazioni davvero al limite. Abbiamo incontrato diversamente abili, ragazze madri, ragazzini che si sottopongono a cure oncologiche circondati dall’amore di decine di operatori e volontari, psicologi ed educatori, un mondo struggente che ci ha fatto ricordare come esiste un mondo parallelo che troppo volte fingiamo di non conoscere. Lo sport pulito fa della solidarietà e dell’integrazione i suoi cardini, con questo progetto ha portato nelle scuole e nelle case famiglia una testimonianza di vicinanza”.

A dare ulteriore sostegno a Roma Città Aperta sono stati anche due personalità di rilievo del mondo dello sport come Felice Pulici, ex portiere della Lazio e Laura Bruschini, vincitrice di tre titoli europei nel beach volley la quale ha promesso un programma a sostegno delle iniziative delle case famiglia. “Il progetto – conclude Fidotti – si inquadra alla perfezione nelle politiche territoriali del Coni Lazio e del suo presidente Riccardo Viola, nelle quali lo sport non è visto solo come performance sportiva, ma come strumento emozionale, solidale e ludico. Portatore di valori e di richiami forti a corretti stili di vita”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]ail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.