Castelli in vendita: troppo alti i costi di manutenzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:56

Essere re o regina è un sogno che accomuna molti. Chi non ha desiderato almeno per una volta vivere in lussuoso castello? Ed ecco che il sogno potrebbe diventare realtà, ma solo se si è stranieri e si ha a disposizione un vasto budget. Infatti i prezzi oscillano tra i 1200 a 8.500 euro a metro quadro, le vendite sono per lo più dirette al mercato estero in quanto, in questo momento di crisi, è l’unico interessato a beni di lusso.

“Solo nel nostro sito – spiega l’amministratore delegato della Lionard Luxury Real Estate, Dimitri Corti – abbiamo in vendita 37 castelli, ma in portfolio sono oltre 70 in tutta Italia”. I proprietari dei castelli hanno preso la decisione di vendere a causa degli alti costi di manutenzione e della pressione fiscale sugli immobili. Alcuni di questi edifici sono già stati trasformati in alberghi o in aziende agricole. Sono in vendita anche i castelli di due personaggi della Divina Commedia di Dante: quello appartenente a Farinata degli Uberti, del XIII secolo, che troviamo nel girone dell’inferno dei dannati e quello appartenente a Sapia Salviani, sempre del XIII secolo, tra gli invidiosi del purgatorio.

Il castello più “economico” da acquistare si trova in Piemonte: per poco più di 7 milioni di euro si potrà acquistare un grande parco di albero secolari, 5962 metri quadri di interni ristrutturati e una foresteria del Cinquecento. In vendita anche il castello di Acquabella, posizionato nella Riserva Naturale di Vallombrosa. Nella zona del Chienti e di Firenze i prezzi salgono, infatti i castelli in vendita hanno un prezzo che oscilla tra i 10 e i 20 milioni di euro. Anche altri manieri sono in vendita, ma i proprietari sono voluti rimanere nell’anonimato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.