Operazione scuola: tutti in classe con lo zaino regalato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:43

Si torna a scuola, ma per molte famiglie non è una gioia: zainetto, astuccio, colori e quaderni, sono sempre troppo costosi da quando gli italiani sono costretti a fare i conti con la crisi. La prima campanella aggiunge un peso al portafoglio e anche al cuore perché presentarsi a scuola senza avere tutto l’occorrente, è difficile da accettare per grandi e piccoli.

Una questione di dignità e di diritti che le associazioni di Parma non lasciano cadere nel vuoto. Ecco perché anche quest’anno il volontariato si mobilita e riparte con la campagna “Tutti a scuola con lo zaino”. Pieno, ovviamente. Il meccanismo è semplice ed è quello che sta alla base della solidarietà: chi ha in fondo all’armadio uno zaino o un astuccio che non usa più, lo può regalare a un bambino che altrimenti non lo avrebbe. Basta lasciarlo in uno dei tanti punti raccolta.

A consegnarlo ai piccoli studenti che ne avranno bisogno ci penserà direttamente la locale rete di volontariato che ha messo anche un sito a disposizione. Tutte le informazioni, infatti, sono disponibili all’indirizzo web  www.forumsolidarieta.it dove è anche possibile consultare l’elenco dei punti di raccolta del materiale scolastico che si vuole donare entro il 30 settembre. Lo scorso anno, la campagna ha raccolto circa 700 zaini e gli organizzatori sperano di riuscire a replicare il successo, anche se sono aumentate le famiglie da assistere. In Italia, denunciava lo scorso aprile Save the children, i bambini in povertà economica estrema sono oltre un milione, mentre sono tre milioni e mezzo quelli a rischio esclusione sociale.

 

Le immagini utilizzate in forma anonima negli articoli sono in parte prese da internet allo scopo puramente descrittivo/divulgativo. Se riconosci la proprietà di una foto e non intendi concederne l’utilizzo o vuoi firmarla: invia una segnalazione a direttore@interris.it
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com