La Cisl incontra al Senato una delegazione del Pd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:45

Una delegazione della Segreteria Confederale della Cisl, guidata dal Segretario Generale, Annamaria Furlan, ha incontrato stamattina al Senato una delegazione del Pd, nella quale erano presenti i capogruppo del Senato, Luigi Zanda e della Camera dei Deputati, Roberto Speranza. Nei giorni scorsi, la Cisl si era confrontata con tutti i gruppi parlamentari delle altre forze politiche per esprimere le valutazioni del sindacato di via Po sulla legge di stabilità e sul Jobs act. In particolare il sindacato, ha riscontrato in tutti gli incontri con le forze parlamentari segnali di attenzione, di disponibilità al dialogo e di apprezzamento per la posizione responsabile, di protesta e di proposta, assunta dalla confederazione di Via Po con le mobilitazioni delle ultime settimane. La Cisl, pur esprimendo una valutazione positiva sull’entità delle risorse destinate dalla legge di stabilità ai temi del lavoro e della spinta  allo sviluppo, ha sollecitato anche nel confronto di oggi con il gruppo del Pd, una correzione di alcuni punti negativi della manovra, a partire dall’abbassamento della tassazione su fondi di previdenza integrativa, l’eliminazione dei tagli ai patronati, il rafforzamento della detassazione del secondo livello contrattuale, lo sblocco dei contratti pubblici, l’estensione degli 80 euro ai pensionati, lo stanziamento di maggiori risorse per gli ammortizzatori sociali e la cassa integrazione in deroga, in un quadro di una nuova politica dei servizi all’impiego. La Cisl ha altresì valutato positivamente l’annuncio dell’apertura del confronto al Ministero del Lavoro con le parti sociali sui temi dei decreti attuativi del  Jobs act; un confronto che era stato sollecitato dalla stessa Cisl attraverso le tre giornate di mobilitazione nazionale con l’obiettivo di eliminare con il nuovo contratto a tutele crescenti tutte le forme di precarietà, a partire dalle false partite iva, i cocopro, i cococo dell pubblica amministrazione, gli associati in partecipazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.