ARRIVA IN FRANCIA IL TEST HIV FAI DA TE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

La Francia diventa il capofila in Europa per la lotta all’HIV. Sono stati messi in vendita, in tutte le farmacie d’oltralpe, kit economici che permetteranno di effettuare il test per il retrovirus nella completa riservatezza di casa propria al costo di soli 25 euro.  Il prodotto si chiama AAZ ed è stato progettato dai laboratori Mylan. La procedura permette ai pazienti di avere i risultati in soli 15 minuti attraverso un piccolo prelievo di sangue. Anche se l’autoesame è riconosciuto come totalmente affidabile, in caso di sieropositività è comunque raccomandato eseguire una seconda analisi in una struttura specializzata.

La cosa più importante però, spiegano le autorità, rimane la prevenzione. Evitare rapporti sessuali non protetti, soprattutto per i soggetti più a rischio, è di vitale importanza. Si stima che in Francia ci siano circa 30.000 persone, soprattutto omosessuali o bisessuali, infette da HIV senza saperlo e la diffusione di questi test mira a porre un freno ai contagi nel Paese ed avviare i pazienti a un percorso di cure appropriato prima che la loro condizione si aggravi.

C’è già chi teme ripercussioni psicologiche per chi si troverà a scoprire da solo di essere infetto, come autolesionismo o tentati suicidi; per precauzione nelle confezioni in vendita è stato inserito il numero di telefono del Sida info Service, un gruppo di sostegno per malati di HIV attivo 24 ore su 24. Le associazioni di sensibilizzazione sulla malattia, tra le prime promotrici del test, ci tengono però a sottolineare come negli Stati Uniti – dove il kit è già in vendita da tre anni – non si siano verificati problemi di questo genere ma anzi, la situazione per i malati di Aids è più che migliorata dalla sua adozione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.