Riposare in Dio ed essere pronti a lasciar tutto per amore suo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:23
dio

Sopra tutto e in tutto ti riposerai sempre, o anima mia, nel Signore, perché egli è l’eterno riposo dei santi. Dammi o dolcissimo e amantissimo Gesù, di riposare in te sopra ogni creatura, ogni salute e bellezza, ogni gloria e onore, sopra ogni potenza e dignità; sopra ogni scienza e sottigliezza; sopra tutte le ricchezze ed arti; sopra ogni letizia ed esaltazione; sopra ogni fama e lode; sopra ogni soavità e consolazione; sopra ogni speranza e promessa; sopra ogni merito e desiderio; sopra tutti i doni e le grazie che tu puoi dare e infondere; sopra ogni gaudio e giubilo che la mente possa provare e sentire; finalmente sopra gli Angeli e gli arcangeli e sopra tutto l’esercito celeste; sopra tutte le cose visibili e invisibili; e sopra tutto quello che non sei tu, Dio mio.

Perché tu, Signore Dio mio, sei ottimo sopra tutte le cose, tu solo Altissimo, tu solo potentissimo, tu solo sufficientissimo e ricchissimo, tu solo soavissimo e deliziosissimo, tu solo bellissimo e amantissimo, tu solo nobilissimo e gloriosissimo nel quale sono, furono e saranno sempre perfettamente tutti i beni riuniti insieme, perciò qualunque cosa che tu mi doni all’infuori di te, o di te tu mi riveli, o mi prometti, se non vedo te e non ti posseggo in modo perfetto, è meno di quel che desidero e affatto insufficiente; perché il mio cuore non può trovare vero riposo, né totalmente acquietarsi, se non riposi in te, e non si elevi al di sopra di tutti i doni e di tutte le creature.

RISOLUZIONI: Risolvi di riposarti in Dio al di sopra di tutte le creature e di esser pronto a lasciar tutto per amor suo. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.