Non scoraggiarti a causa della tua fragilità e debolezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Figliuolo, mi piace più la pazienza e l’umiltà nelle cose avverse che la molta consolazione e devozione nelle prospere. Come mai ti rattristi per una piccola cosa fatta o detta contro di te? Se ti avessero fatto o detto di peggio, non ti saresti dovuto risentire. Ma ora non ci pensar più; non è la prima, ne nuova, ne sarà l’ultima, se ancora tu campi.

Tu sei molto bravo quando non ti succede nulla in contrario. Dai anche buoni consigli e sai con belle parole confortare gli altri; ma appena che una improvvisa tribolazione viene a bussare alla tua porta, il consiglio vien meno e la fortezza.

Pensa alla tua grande fragilità che spesso ti accade di sperimentare in cose da nulla. Ma non di meno tutte queste e simili cose avvengono per tua salute.

RISOLUZIONI: Risolvi di considerare la tua fragilità e debolezza non per iscoraggiarti, ma per umiliarti, e per riflettere come il Signore permette le cadute al fine di renderti più cauto, più umile e diffidente di te stesso. 

Tratto da un’antica edizione del 1800 dell’Imitazione di Cristo

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.