Libano, attacchi suicidi in due campi profughi: muore una bimba di 2 anni Secondo l'agenzia nazionale libanese, sette soldati sono rimasti feriti; oltre 400 gli arresti

188
libano

Nuovi attentati suicidi sono stati compiuti al confine tra Siria e Libano contro i militari dell’esercito libanese.

Morta una bimba

Secondo l’agenzia nazionale libanese Nna, sette soldati sono stati feriti e una bambina di 2 anni è stata uccisa dalle esplosioni causate da cinque kamikaze che hanno preso di mira le pattuglie di militari in due diversi campi – Nawwar e Qariya – del distretto frontaliero di Arsal, località libanese situata nella valle orientale della Bekaa, a maggioranza sunnita.

Il blitz finito in tragedia

I soldati stavano andando ad arrestare un ricercato, proprio uno degli attentatori suicidi che si sono fatti saltare in aria in mezzo ai civili. Nel corso della missione, riportano i media locali, sono stati catturati diversi sospetti jihadisti e disinnescati vari ordigni, gli arresti sono stati oltre 400.

Oltre un milione di profughi

Le autorità libanesi portano avanti continue operazioni nei campi profughi che ospitano decine di migliaia di rifugiati dalla vicina Siria. In totale, sono oltre un milione i profughi siriani in Libano su una popolazione totale di 4.5 milioni di persone. La zona di Arsal è teatro di scontri sporadici tra l’esercito e gruppi jihadisti già dal 2014.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS