IL SANTO DEL GIORNO SS.TRINITA'

9097
Santissima-trinitaLa solennità della Santissima Trinità ricorre ogni anno la domenica dopo Pentecoste. Si colloca come riflessione su tutto il mistero di Dio, celebrato nei suoi diversi momenti e aspetti. Tale solennità fu introdotta nel 1334 da papa Giovanni XXII, l’antica liturgia romana non la conosceva, per volgere lo sguardo riconoscente della Chiesa al mistero della salvezza realizzato dal Padre, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo. La messa inizia con l’esaltazione del Dio Trinità “perché grande è il suo amore per noi”.
Per S.Agostino non è possibile comprendere Dio al di fuori dell’amore, quindi astraendolo dalle relazioni tra le tre distinte Persone divine: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Agostino attraverso la debole, ma preziosa analogia dell’amore umano, che comporta sempre distinzione e comunione di persone, trasferire se stesso nell’altro, riporre in esso le ragioni del vivere e la propria vita più vera, arriva ad affermare che: “Se vedi la carità, tu vedi la Trinità”.
La carità divina in quanto donazione infinita senza riserve è il Padre; in quanto accoglienza attiva è il Figlio; in quanto perfetta unità di colui che dona e di colui che accoglie è lo Spirito Santo. Nessuna delle tre Persone supera le altre nell’eternità, nella perfezione o nel potere. Vivono una per l’altra, con l’altra e nell’altra in perfetta unità e reciprocità dinamica. L’unità di Dio rimane fuori discussione; anche se nel nostro povero modo di parlare le tre Persone sembrerebbero addizionarsi, ciascuna Persona divina contiene le altre due ed è l’unico Dio e l’unico Creatore.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS