La Capitale dichiara guerra ai “portoghesi”: arriva il controllore a bordo L'annuncio è stato dato dalla sindaca Raggi in occasione dell'inaugurazione dei primi 25 nuovi mezzi di Atac

312
controllore

Venticinque bus del nuovo parco mezzi sono stati inaugurati dalla sindaca Virginia Raggi. Ma la novità più importante è un’altra: su cinque linee centro la prossima settimana partirà la sperimentazione del controllore a bordo. Una misura che il Campidoglio intende introdurre per scoraggiare il fenomeno dei “portoghesi”, molto diffuso nella Capitale. Un esempio, con tanto di multe, è avvenuto proprio nel tour inaugurale della sindaca.

“C’è fame di autobus e stanno arrivando, questo è il primo gruppo dei 150. Prima della prossima primavera saranno tutti in esercizio su strada – ha assicurato la prima cittadina -. Ora stiamo facendo i collaudi e gli arrivi sono scaglionati nel tempo. Atac e questa amministrazione si stanno muovendo. Si riparte dalle periferie, infatti i nuovi bus sono destinati prevalentemente a linee periferiche. Dobbiamo abbreviare le distanze“. Raggi ha ribadito la necessità di muoversi “agevolmente” in città. “Stiamo lavorando anche alle corsie preferenziali, stiamo lavorando sodo per far ripartire la città e l’azienda. Il problema della manutenzione? E’ un problema che abbiamo trovato, denunciato e a cui stiamo mettendo mano”.

Da ieri i nuovi bus “circolano nella Capitale – hanno spiegato Atac e il Campidoglio – soprattutto nelle periferie: da Rebibbia a Tor Vergata, da Cinecittà a Grottarossa, da Tor Sapienza a Porta di Roma, da Tor Lupara a Saxa Rubra fino a Centocelle. I 150 mezzi sono stati acquistati tramite leasing finanziario e la fornitura totale è costata circa 51 milioni e 531 mila euro”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS