Una riforma stonata

1290
  • English

E’ assurdo pensare che la riforma della Costituzione sia motivata da una riduzione dei costi. Innanzitutto non si capisce come una riduzione dei costi possa riguardare l’Organo di massima espressione della democrazia rappresentativa e cioè il Senato. Comunque, come ha dimostrato la Ragioneria Generale dello Stato, il risparmio non è affatto di 500 milioni di euro, come affermato dalla Ministra Boschi, ma di 51 milioni di euro, una cifra irrisoria specie se rapportata all’effetto che produce: una diminuzione della rappresentanza politica a uno dei suoi maggiori livelli.

Inesatta è anche l’affermazione secondo la quale la trasformazione del Senato, ridotto a cento senatori nominati (non si sa ancora da chi) e scelti (a parte i 5 nominati dal Presidente della Repubblica) tra i consiglieri regionali e i sindaci, ridurrebbe i tempi per l’approvazione delle leggi. Infatti, sono previste molte materie nelle quali Camera e Senato devono votare entrambi, ma con procedure diverse: alcuni costituzionalisti parlano di 12 procedure, altri di 6, altri infine di 4. Comunque, il Senato può sempre chiedere di intervenire sulle leggi in corso di approvazione da parte della Camera dei deputati e forte è il pericolo di contrasto di vedute. Per questi casi la legge costituzionale di revisione parla di un accordo tra il Presidente della Camera e quello del Senato. Ma se questa intesa (come è molto prevedibile) non si raggiunge, come si definisce la controversia? Sarà necessario ricorrere alla Consulta con un allungamento dei tempi di almeno un anno.

Non corretta è anche è la tesi secondo la quale questa modifica costituzionale servirebbe per cambiare la situazione di stallo in cui si trova la nostra società. E’ esatto l’inverso, poiché questa riforma, come presto vedremo, serve per “mantenere lo status quo”, non per “cambiarlo”.

Ciò premesso e venendo alla valutazione del testo che è sottoposto al nostro esame referendario, si dovrebbe dire che, a parte gli innumerevoli errori e contraddizioni che esso contiene, sono tre le reali modifiche che esso, considerato nel suo complesso, apporta alla Costituzione vigente: l’accentramento dei poteri nell’esecutivo; la trasformazione del Senato in una camera di rango inferiore alla Camera dei deputati; l’annientamento (ed è questa la modifica più rilevante) della garanzia della revisione costituzionale prevista dall’art. 138. Ed è da tener presente che la modifica del Senato è espressa a chiare lettere, mentre le altre due modificazioni sono il frutto nascosto di modifiche che hanno oggetti diversi.

Sino al voto del 4 dicembre Interris.it, senza prendere una posizione, ospiterà i sostenitori del “Sì” e del “No” al referendum, per consentire ai lettori di farsi liberamente una propria opinione a riguardo

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

2 COMMENTS

  1. La Costituzione! Meglio attuarla che cambiarla!
    Infatti la sua Migliore Difesa è la sua integrale attuazione!
    In specie quella economica, che ha nei suoi articoli: il 2 il 3 il 9 il 41 il 53 et.c etc., le fondamenta per una società Equa e Solidale!

  2. La costituzione andrebbe certamente rivista ed aggiornata, la riforma proposta andrebbe bene solo per qualche aspetto ma gli elementi negativi sono talmente pesanti da dire NO: marcata dipendenza dalla UE tanto che una uscita come la Gran Bretagna (Brexit) non sarebbe più possibile senza una nuova variazione della costituzione, la clausola di “Supremazia” se andrebbe bene per imporre provvedimenti utili osteggiati da regioni non va bene perché potrebbe eliminare il principio di sussidiarietà lasciando all’arbitrio governativo temi etici importantissimi (scuole private ecc.), un piccolo consenso (20%) potrebbe consegnare un potere quasi assoluto ad un gruppo politico! La riforma come espressa sembra più un cavallo di Troia per introdurre modifiche pesanti e non pubblicizzate che fanno comodo ai Padroni del Mondo!

LEAVE A REPLY