ARRIVA IL BONUS CULTURA: 500 EURO PER TUTTI I 18ENNI Dal 15 settembre grazie a "18app" sarà possibile acquistare beni e servizi culturali

376
bonus-cultura

E’ in arrivo il bonus cultura da 500 euro che il governo metterà a disposizione dei giovani che compiono 18 anni nel 2016. Da giovedì 15 settembre, infatti, si potrà accedere alla applicazione “18app” per acquistare beni e servizi legati alla cultura, come libri, ingressi ai musei, biglietti per cinema, teatri e concerti.

Per i nati nel 1998 (anche extracomunitari) la prima cosa da fare è registrarsi in uno dei 5 identity provider (Poste, Aruba, Tim, Infocert e Sielte) per ottenere lo “Spid” (il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale) che permetterà di essere riconosciuti dallo Stato e di ricevere le credenziali per accedere a tutti i servizi online della P.A. Dopodiché basta installare sullo smartphone o sul tablet “18app”, da cui è possibile scegliere le attività o i beni da comprare da un elenco di esercenti, negozi, biblioteche, cinema, teatri, musei e servizi culturali. Per scaricarla bisogna collegarsi su www.18app.it o su www.diciottapp.it, avendo cura di fare il login utilizzando lo Spid.

Per consumare tutti i 500 euro i ragazzi avranno tempo fino a tutto il 2017. Gli interessati sono 576.953 e il provvedimento costerà alle casse dello stato circa 290 milioni. Questa misura ha ottenuto mercoledì il via libera del Consiglio di Stato, che ha espresso parere positivo sullo schema di decreto che reca i criteri e le modalità di attribuzione e di utilizzo della “carta elettronica” destinata ai cittadini italiani o di altri Paesi membri dell’Unione europea residenti in Italia che compiono 18 anni nel 2016. Palazzo Spada, tuttavia, evidenzia come restino “possibili incertezze su applicazione e rischio di restrizione dei servizi”. La definizione dell’ambito di utilizzo del bonus, infatti, è “generica” e “andrebbe precisata nel regolamento, onde fugare possibili incertezze sulla tipologia di beni e servizi acquistabili”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS