CAOS IN CAMPIDOGLIO, RAGGI: “DIAMO FASTIDIO AI POTERI FORTI. AVANTI DETERMINATI” Intanto Virginia Raggi è al lavoro per vagliare tutti i curricula per cercare un sostituto l'ex assessore al Bilancio Marcello Minenna, l'ex capo di gabinetto Carla Raineri e i vertici di Ama e Atac

451
campidoglio

“Siamo determinati a lavorare per il bene della città. Queste dimissioni non ci spaventano. Diamo fastidio ai poteri forti ma siamo uniti e determinati”. E’ quanto ha dichiarato Virginia Raggi, sindaco di Roma, dopo la raffica di dimissioni che nei giorni scorsi hanno messo in subbuglio il Campidoglio.

Nei giorni scorsi hanno deciso di lasciare il loro incarico il capogabinetto Carla Ranieri e l’assessore al bilancio Marcello Minenna. Solo poche ore dopo si sono dimessi anche i vertici dell’Atac, l’azienda dei trasporti pubblici della Capitale. Infatti, dopo l’abbandono del direttore generale Marco Rettighieri, anche l’amministratore unico Armando Brandolese ha rassegnato le dimissioni. E infine, anche l’amministratore unico di Ama, la municipalizzata capitolina per la gestione della raccolta dei rifiuti, Alessandro Solidoro ha deciso di lasciare il suo incarico.

Intanto prosegue inesorabile il lavora del Campidoglio per trovare un nuovo amministratore dell’Atac. Dopo Bardolese, infatti, ad occuparsi dei trasporti della Città Eterna dovrebbe arrivare Manuel Fantasia, un ingegnere nucleare esperto di trasporti con esperienze internazionali

Inoltre, vista la situazione così delicata, Beppe Grillo, leader del Movimento 5 Stelle, ha deciso per il momento di rimandare il suo intervento a Roma e di lasciare tutto nelle mani del direttorio con cui si confronterà nei prossimi giorni. Intanto Virginia Raggi è al lavoro per vagliare tutti i curricula per cercare un sostituto l’ex assessore al Bilancio Marcello Minenna, l’ex capo di gabinetto Carla Raineri e i vertici di Ama e Atac che ieri si sono dimessi. “Obiettivo – spiegano dallo staff – è trovare le personalità migliori”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS