L’estate del burkini

1798
  • English
riina

Bukini sì o burkini no? Questa diatriba mi ha fatto ricordare gli anni del “comune senso del pudore “. Qualcuno si chiederà cos’è . Negli anni 70/80 uscivano dei cartelloni pubblicitari per film osé, ovvero erotici, dove l’erotismo veniva espresso con foto dei fondoschiena nudi . La polizia femminile prima (del 1981) e la Squadra Mobile poi, in sostanza , apponevano delle mutandine di carta alle nudità ritenute oscene e comunque contrarie “al comune senso del pudore”. Anni quelli in cui il delitto d’onore e la violenza riparatrice venivano finalmente abrogati (5 settembre 1981).

Tanto, ci volle, per cancellare infamità del “delitto d’onore” ma anche del “matrimonio riparatore” in Italia. Fu il Parlamento Italiano ad abrogare la “rilevanza penale della causa d’onore”, una disposizione tremenda, retriva e umiliante specialmente per le donne che ne erano le prime vittime. Si trattava di un “residuo legislativo” del Codice Rocco (anni Venti), in vigore dal Fascismo, e in forte contraddizione con il Nuovo Diritto di famiglia e il divorzio, vigenti da tempo nella legislazione italiana.

Oggi, la vicenda del burkini: dal troppo nudo al troppo coperto. La cosa farebbe solo ridere, se non ci fossero implicazioni politiche e se il Paese della Liberté, Égalité, Fraternité (Libertà, Uguaglianza, Fratellanza) celebre motto risalente all’epoca della Rivoluzione francese, non avesse deciso di far comminare alle donne “troppo vestite ” in spiaggia, da parte della gendarmerie, pesanti contravvenzioni.

Qualcuno le vorrebbe applicate anche in Italia e il nostro Ministro Alfano, più preoccupato dal terrorismo che dai paludamenti neri sulle spiagge, bene ha fatto – secondo me – a passare la mano . Io credo che gli italiani, dopo un’estate segnata da numerosi sversamenti sulle spiagge , gli aeroporti e i porti supervigilati , un’economia traballante con previsioni di un inverno ancor più nero di quelli passati, pensino poco al “burkini”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

3 COMMENTS

  1. Ritengo sia doveroso non solo tollerare ma anche accogliere la diversità come una ricchezza, accogliere l’ altro come portatore di bene. Ciò vale anche per il “burkini”, o qualsiasi altro modo di vestire diverso dal nostro, fin tanto che non rappresenti un pericolo od un ostacolo alla sicurezza della collettività.
    Grazie e un cordiale saluto
    Barbara Gibogini – Pombia (Novara)

  2. Beh dovevano inventare qualcosa per distogliere l’attenzione ed abbassare la guardia sul Vero Problema Principale: le azioni terroristiche. E poi, così facendo, si calma il “popolo bue”. Ma … è solo il mio punto di vista.

  3. A me interessa semplicemente, si fa per dire, che tengano sempre e comunque il viso scoperto e che, cosa molto importante, rispettino a 360° le nostre leggi. Che poi si potrebbe aggiungere che, allo stesso modo, dovrebbero essere accettate a “casa loro” le nostre donne mezze nude, anche qui direi che oggigiorno sia riduttivo (!), beh, è un argomento che per approfondirlo entrerebbero in gioco troppi fattori ed allora, mi fermo….

LEAVE A REPLY