BERGOGLIO IN VISITA PRIVATA AD ASSISI IL PROSSIMO 4 AGOSTO Il Pontefice visiterà la chiesetta della Porziuncola in occasione dell'VIII centenario del "Perdono" voluto da San Francesco

641
  • English
assisi

A tre anni dalla sua prima visita nei luoghi di San Francesco, Papa Bergoglio torna ad Assisi. Più precisamente alla Porziuncola, dove si raccoglierà in preghiera nel pomeriggio del 4 agosto prossimo. L’occasione è offerta dall’VIII Centenario del Perdono di Assisi, che cade, provvidenzialmente, nell’Anno Santo straordinario della Misericordia. Il Pontefice, si legge sul sito web della Porziuncola, “si farà pellegrino in forma semplice e privata nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli, dove si raccoglierà in preghiera ed offrirà il dono della sua parola”. La notizia, resa nota oggi, è stata comunicata dal Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova evangelizzazione, mons. Rino Fisichella. La Chiesa particolare di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e tutti i francescani esultano e ringraziano Papa Francesco, implorando dal Signore ogni benedizione su questo evento.

Lo scorso dicembre, mentre il vescovo di Assisi presentava in conferenza stampa le iniziative diocesane per il giubileo, mons. Domenico Sorrentino disse: “Abbiamo invitato il Santo Padre ad Assisi, siamo fiduciosi che possa tornare in occasione del Giubileo della Misericordia”. Allora, per il ritorno del Papa nella città serafica si sussurravano due date, non confermate in alcun modo dal vescovo: il 2 agosto, o il 20 settembre.

Era il 1216, quando a San Francesco, raccolto in preghiera, appaiono Cristo e la Vergine circondati da una moltitudine di Angeli. Il frate rivolge loro una supplica: “tutti coloro che, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, ottengano ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe”. La preghiera fu accolta e il Papa Onorio III gli concede l’indulgenza che Francesco, insieme ai vescovi umbri, annuncia proprio il 2 agosto.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS