“C’E’ POCO FORMAGGIO SULLA PIZZA”: DONNA CHIAMA LA POLIZIA PER AVERE GIUSTIZIA

567
formaggio

Gattini rimasti intrappolati nei rami degli alberi, persone che si infortunano in casa nei modi più strani, litigi tra coniugi che si tirano i piatti addosso: gli operatori dei numeri di emergenza sono abituati a ricevere telefonate strane e con richieste particolari, ma quello che è accaduto al centralinista della polizia della provincia canadese del Newfoundland ha davvero dell’assurdo. Dall’altro capo della cornetta, infatti, una donna agitata chiedeva aiuto per un “grave” problema con la sua pizza.

“Pronto, polizia? C’è poco formaggio sulla mia pizza, potete aiutarmi?”, queste le parole ascoltate dal poliziotto, il quale, dopo un primo momento di incredulità, ha capito che la telefonata non era una scherzo, ma una vera e propria richiesta di aiuto. “La persona aveva un problema con la compagnia che ha consegnato la pizza – ha spiegato l’agente Geoff Higdon all’emittente Cbc – non c’era abbastanza formaggio e lei non era soddisfatta per le risposte ricevute”.

L’ufficiale delle forze dell’ordine, cercando di mantenere la calma e la professionalità che lo hanno sempre contraddistinto, ha iniziato a dare piccoli suggerimenti alla donna, consigliandole di rivogersi al proprietario della pizzeria, come prima cosa, per fargli presente il problema.

“Non so se credeva davvero che potessimo fare qualcosa per per lei”, ha continuato a raccontare il poliziotto durante l’intevista televisiva. Le telefonate surreali alla polizia non sono certo una novità, neanche in un piccolo villaggio canadese: ” a volte ci chiamano per lamentarsi anche di quello che ascoltano alla radio…”, ha commentato l’agente Higdon.

Proprio in tema di telefonate assurde, la polizia del British Columbia poco tempo fa ha reso note le 10 chiamate più stravaganti ricevute: in vetta, le lamentele di un automobilista per la distanza tra alcune auto parcheggiate e le proteste di un cliente di un coffe shop a cui non era stato riempito il bicchiere.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS