EGYPTAIR, INDIVIDUATA LA SCATOLA NERA: A GIORNI IL RECUPERO Il segnale è stato captato da una nave francese. Le registrazioni si trovano a circa 3mila metri

565
egyptair

Una nave francese ha captato segnali provenienti dalle scatole nere dell’aereo Egyptair precipitato nel Mediterraneo lo scorso 27 maggio. “Nella zona delle ricerche dei rottami dell’aereo le apparecchiature di ricerca della nave francese Laplace hanno intercettato segnali dal fondo del mare i quali potrebbero essere stati emessi da una delle due scatole nere  dell’Airbus” si legge in un comunicato della commissione d’inchiesta sul disastro aereo. Successivamente Parigi ha confermato che il segnale arriva da una delle scatole nere.

Entro il 10 giugno una nave si recherà in loco per cercare di recuperare i preziosi registratori. Il fattore tempo è fondamentale. I Flight data recorder sono, infatti, in grado di emettere suoni per “quattro o cinque settimane”, prima che si scarichi la batteria. La nave della società Deep Ocean Search (Dos) attesa sul luogo dell’incidente intorno al 10 giugno è equipaggiata con uno speciale robot in grado di ripescare le scatole nere fino a 3.000 metri di profondità. Il luogo in cui si concentrano le ricerche si trova a 290 chilometri dalla costa egiziana. L’aereo dell’Egyptair era in volo da Parigi al Cairo prima di inabissarsi nel Mediterraneo. Secondo fonti vicine all’inchiesta, nella zona dell’incidente la profondità è di circa tremila metri.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS