TEXAS, BUS TURISTICO SI RIBALTA IN AUTOSTRADA: 8 MORTI Il mezzo trasportava 50 persone verso un Casinò situato nei pressi del confine messicano

592
bus

Tragico incidente stradale in Texas, Stato federale nella parte centro-meridionale degli Stati Uniti. Un autobus turistico che trasportava 50 persone si è ribaltato in autostrada. Otto persone sono morte, altre 44 sono rimaste ferite. Il bus si stava dirigendo verso Eagle Pass, a 200 chilometri da Laredo (la sede della contea di Webb County) quando è avvenuto lo schianto; il mezzo arrivava dalla Rio Grande Valley ed era diretto verso un casinò. Lo scontro è stato così violento che sette passeggeri sono morti sul colpo, mentre una persona ha raggiunto l’ospedale, ma i sanitari non hanno potuto salvarla: si è spenta poco dopo il suo arrivo. Secondo quanto riferisce il Laredo Morning Times, citando autorità locali, il conducente avrebbe perso il controllo del mezzo provocando il disastro. Le cause dell’incidente, però, non sono state ancora chiarite e gli inquirenti stanno ora indagando per capire come il mezzo si possa essere ribaltato.

L’ultimo grave incidente statunitense che aveva visto coinvolto un autobus, era avvenuto nel settembre scorso a Seattle, nello Stato di Washington. In quella tragica occasione, due bus si erano scontrati sull’Aurora Bridge uccidendo 4 persone e ferendone gravemente 12. Nel caos erano state coinvolte anche alcune auto. Uno dei due pullman che si erano scontrati era un ‘duck bus’, un anfibio carico di turisti che fa il giro della città. La scena che si era presentata ai soccorsi era quella di un vero e proprio ammasso di lamiere, dalle quali a fatica erano stati estratti i feriti. Secondo la ricostruzione, il ‘duck bus’ aveva perso il controllo e invaso la corsia opposta schiantandosi contro un pullman privato che procedeva in senso contrario.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS