PAKISTAN, CONTADINI MUSULMANI FINANZIANO LA COSTRUZIONE DI UNA CHIESA CATTOLICA Padre Paul: "Non è la prima volta che accade. Abbiamo troppi pregiudizi contro i fedeli islamici"

642

In Pakistan, nella regione del Punjab, alcuni contadini musulmani hanno finanziato la costruzione di una chiesa cattolica. È Accaduto a Khalsabad, piccolo villaggio vicino a Gojra. La cappella di fango che usavano come luogo di culto le uniche 8 famiglie cattoliche presenti nel villaggio, era stata distrutta dalle piogge monsoniche dell’ultimo anno. Costretti a pregare in casa, i cattolici avevano allora deciso di costruire una nuova chiesa e hanno chiesto aiuto alla cittadinanza.

“Ho saputo di questo progetto in un incontro comunitario il mese scorso – afferma Dilawar Hussain, negoziante musulmano –. Anche una chiesa è una casa di Allah, la preghiera è ciò che conta. Noi veneriamo lo stesso Dio”. Hussain ha donato 10mila rupie (95 dollari) per la costruzione del nuovo luogo di culto, mentre un uomo d’affari locale ha deciso di devolvere 30mila rupie alla commissione del villaggio che si occupa dei lavori.

Per ora sono stati eretti i muri esterni della struttura. “Questo è dialogo della vita”, afferma p. Aftab James Paul commentando le donazioni. Il sacerdote è assistente parroco della chiesa di San Fedele a Khushpur e Khalsabad è uno dei 56 villaggi a cui fa visite pastorali: “Un altro fedele musulmano ha donato 2mila rupie la domenica di Pasqua”, fa sapere.

Padre Paul, che per nove anni ha guidato la commissione della diocesi di Faisalabad per il dialogo interreligioso, afferma che non è la prima volta che i musulmani aiutano la costruzione di un luogo di culto cattolico. Nel 2005 fu finanziata una chiesa nel sotto distretto di Gojra Tehnsil. L’area, però, divenne famosa solo nel 2009 per un episodio negativo: a seguito di sospetti di blasfemia, 10 cristiani furono uccisi, almeno sette dei quali arsi vivi. Quattro chiese furono distrutte nell’attacco. “Abbiamo troppi pregiudizi – dice il sacerdote – e lasciamo che le azioni di pochi facciano ricadere la colpa su tutti i fedeli dell’islam”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS