LAVORO, MATTARELLA: “UN PAESE CHE NON INCLUDE I GIOVANI E’ FERMO” Il capo dello Stato ha ricordato l'articolo 1 della Costituzione. "Non possiamo accontentarci di numeri limitati"

507
mattarella

“Sul lavoro è fondata la nostra Repubblica e creare lavoro è impegno costituzionale vivo e attuale” affinchè “la cittadinanza sia piena e non mutilata”. Lo ha ricordato il presidente della Repubblica parlando al Quirinale in occasione della tradizionale cerimonia per i cavalieri del lavoro del primo maggio. Il 2015 e il 2016 sono anni “di crescita moderata” con valori macroeconomici in segno positivo e l’occupazione è cresciuta. Ma “non possiamo accontentarci di numeri ancora limitati rispetto alla dimensione del problema”, ha aggiunto il capo dello Stato.

“Un Paese che non riesce ad includere i giovani è un paese fermo. Un paese che esclude i giovani, o li inserisce nel mondo del lavoro in modo precario, si condanna da solo”, ha aggiunto Mattarella. “Alcune misure per la ripresa dell’occupazione sono state adottate”, ha proseguito, e “non è mio compito entrare nel merito degli opportuni aggiustamenti al sistema previdenziale e fiscale: mi limito ad osservare che tutto va orientato alla ripresa dell’occupazione”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS