A MILANO ARRIVA “UNTITLED”, LA PITTURA SECONDO PAOLO MANAZZA L'uso spregiudicato del colore, senza concedere nulla all'incertezza, rende le opere di Manazza uniche

674
manazza

Un intellettuale, uno scrittore, un critico, ma soprattutto un artista: questo è Paolo Manazza, che questa estate – dall’8 giugno all’8 luglio – presenterà le sue ultime opere nella galleria Robilant+Voena a Milano, in via Fontana, con l’allestimento “Untitled”.

Saranno 20 i dipinti esposti – ognuno dei quali con un formato diverso – nei quali l’artista ha esplorato il senso di sovrapposizione del colore, nel segno di tutti gli insegnamenti ricevuti dall’Informale europeo e statunitense, alla ricerca di una personale e contemporanea visione. Per Manazza, infatti, la pittura va intesa come momento gestuale e primario e che percorre sempre, come un fil rouge, la storia dell’arte recente da Helen Frankenthaler a Günther Förg.

L’uso spregiudicato del colore, senza concedere nulla all’incertezza, rende le opere di Manazza uniche e racconta molto di come la realtà cromaticamente interpretata sia l’unico possibile modo di “vedere” il mondo interno ed sterno per l’artista. “Ogni dipinto di Paolo Manazza è un soliloquio -osserva Alan Jones nel catalogo della mostra, che contiene anche contributi critici di Giandomenico Di Marzio e Massimo Mattioli- un dialogo tra l’artista e il proprio sé, come le due parti di Bach, una traduzione simultanea nella lingua della pittura dove la ‘composizione’ è la grammatica, e il colore è il vocabolario”. Di Marzio scrive che “Paolo Manazza appartiene a quella generazione di artisti che ancora oggi, nel vasto mare dei nuovi linguaggi dell’arte contemporanea, si ostina a esplorare le infinite possibilità della pittura”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS