ROMA 2024: OK DEL CAMPIDOGLIO AL REFERENDUM DEI RADICALI Parte la raccolta firme per la consultazione. Magi: "Vittoria dedicata a Malagò e Montezemolo"

518
campidoglio

La commissione per i referendum di Roma Capitale ha dichiarato ammissibile il quesito sulla candidatura olimpica proposto dai Radicali che entro un mese potranno far partire la raccolta firme. L’obiettivo è raggiungere almeno 28683 sottoscrizioni, pari all’1% della popolazione residente. Ad annunciarlo in diretta su Facebook il segretario di Radicali Italiani, Riccardo Magi, promotore del referendum e capolista a Roma della lista Radicali. “Dedichiamo questa prima vittoria della nostra campagna referendaria a Malagò e Montezemolo, che avevano sostenuto, anche nel questionario inviato al Cio, che un referendum comunale sulla candidatura olimpica non fosse possibile, e la dedichiamo anche a tutti quei politici, di destra e di sinistra, secondo i quali la decisione era ormai presa e quindi non c’erano più i tempi per far esprimere i romani”, ha commentato Magi.

“Il referendum è lo strumento migliore per aprire un dibattito pubblico e trasparente su costi e benefici di questa impresa e sapere se i romani credono che il progetto del Coni sia un’occasione per migliorare la qualità della vita a Roma oppure no. Meloni, Bertolaso e Marchini – ha detto ancora Magi – sono “fan” di Malagò e Montezemolo e quindi contro il referendum. I Cinque stelle dicono che il referendum lo fanno solo se vincono le elezioni. Fassina è a favore del referendum, però è sostenuto da un partito che in consiglio comunale ha votato compatto a favore delle olimpiadi respingendo la nostra richiesta di consultare i romani.

E poi c’è Giachetti, che è convinto, con Renzi, del progetto di candidatura olimpica, ma non si oppone al referendum e vuole anche trasformare Roma nella Capitale della partecipazione”. E’ ha osservato: “Il referendum sulle olimpiadi è un ottimo banco di prova, poiché si tratta di una questione cruciale visto che ci sono in ballo investimenti per miliardi. Su cosa, se non su questo, bisogna far partecipare i cittadini? Ora c’è solo un modo per essere sicuri che il referendum si faccia: raccogliere le firme di 30mila romani. Noi, come radicali, abbiamo conquistato questa opportunità. Ora è tutto nelle mani dei cittadini”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS