ZURIGO, INAUGURATO IL MUSEO FIFA Presentato dal neo presidente Gianni Infantino, sarà un luogo dedicato allo sport più amato del mondo

570
museo

Un vero e proprio museo del calcio, con moltissimi cimeli e pezzi unici che faranno letteralmente impazzire di gioia i seguaci dello sport più amato e seguito del mondo. Aprirà a Zurigo il primo museo della Fifa – Fédération Internationale de Football Association- la federezione internazionale che governa gli sport del calcio, del calcio a 5 e del beach soccer.

Durante l’inaugurazione del museo, il nuovo presidente della Fifa, Gianni Infantino, ha dichiarato che nello spazio dedicato alle mostre si respirerà e si vivrà “solo il calcio”. Inaugurando il museo, Infantino ha compiuto il suo primo atto ufficiale da presidente della Fifa, a pochissimi giorni della sua elezione. In realtà, lo spazio espositivo è un progetto iniziato dal suo predecessore, Joseph Blatter, che ha voluto realizzare un luogo “magico”, nel quale si possano ammirare numerosi oggetti, tra cui le Coppe dei Mondiali maschili e femminili.

Ed è proprio la Coppa Rimet, la coppa del mondo, la regina dello spazio espositivo: fra i pezzi storici c’è infatti la base originale del premio, fatta sostituire nel 1954 dai responsabili della federazione tedesca perché la sua forma quadrata non conteneva tutti i nomi delle squadre vincitrici. Ne venne così creata una nuova, con forma ottagonale, che fu protagonista di numerosi tentativi di furto, come quello del 1983 avvenuto a Rio de Janeiro, nella sede della Federcalcio brasiliana, dove era conservato il premio.

All’interno del museo, ci saranno anche molte attrazioni virtuali, come “L’arbitro sei tu”, un gioco in cui i visitatori sono chiamati a decidere su situazioni controverse, oppure una sezione dedicata alle celebrazioni più curiose dei gol, in cui sempre i visitatori avranno la possibilità di ripetere passi di danza ed esultanze varie.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS