USA 2016, DIBATTITO CLINTON – SANDERS: DURO SCONTRO SU OBAMA E KISSINGER In vista dei prossimi appuntamenti, i due candidati hanno cercato di mantenere contenuto - successo - il tono del dibattito e di conquistare i voti degli ispanici e dei neri

609
clinton

Sono volate parole pesanti tra Hillary Clinton e Bernie Sanders durante l’ultimo duello televisivo, che ha ufficialmente aperto la corsa verso le prossime tappe delle primarie Usa, il Nevada e il South Carolina. In vista dei prossimi appuntamenti, i due candidati hanno cercato di mantenere contenuto il tono del dibattito e di conquistare i voti degli ispanici e dei neri, due comunità molto presenti in South Carolina, ma alla fine si sono scontrati su un tema molto difficile, la politica estera, finendo poi per litigare parlando di Obama e dell’ ex segretario di Stato Henry Kissinger.

Sanders ha di nuovo incolpato la Clinton per sua scelta di appoggiare l’intervento in Iraq nel 2002 e il senatore ha ricordato come, più volte, la rivale abbia espresso profonda ammirazione per Henry Kissinger, che lui ha definito “uno dei più distruttivi segretari di Stato nella storia moderna del nostro Paese”.

Sanders ha accusato Hillary di essersi vantata “ di avere fra i suoi consiglieri Kissinger, che non i bombardamenti in Cambogia ha favorito le stragi dei khmer rossi”. La candidata, udite queste parole “pazzesche”, ha deciso di rispondere duramente all’avversario. “Io ascolto molte persone, invece noi non abbiamo ancora capito con chi parli tu di politica estera”, ha detto infastidita l’ex segretario di Stato. Immediata la risposta di Sanders: “ Beh, di sicuro non ascolto Henry Kissinger”.

I momenti di scontro, però, non si sono esauriti con la polemica su Kissinger. La Clinton ha rinfacciato al senatore di avere spesso polemizzato con il presidente Obama: “Lo hai criticato dicendo che chi lo ha votato ora ha il rimorso”, ha tuonato Hillary. Sanders ha prontamente risposto alle accuse, ricordando alla rivale che non è stato lui a correre contro Obama nelle precedenti elezioni presidenziali.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS