RIMOSSE LA FERRARIO DALLA CONDUZIONE DEL TG1: 4 MESI A MINZOLINI Secondo l'accusa l'ex direttore aveva agito con spirito di vendetta. Il giornalista: "Allibito, è pura follia"

257
minzolini

Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1, è stato condannato a 4 mesi di reclusione per aver abusato del suo ufficio rimuovendo dalla conduzione del telegiornale, nel 2010, Tiziana Ferrario. La sentenza è stata dei giudici del tribunale di Roma. Gli accertamenti sul caso sono stati coordinati dal pm Sergio Colaiocco. La vicenda riguarda la rimozione, nel 2010, dalla conduzione del telegiornale delle ore 20 della giornalista Tiziana Ferrario. La sentenza è stata decisa dai giudici della IV sezione del tribunale della Capitale. Minzolini era accusato dal pm Sergio Colaiocco di aver di aver demansionato per circa un anno Ferrario a seguito dei suoi rilievi sull’imparzialità del direttore a proposito delle notizie diffuse dopo la conclusione del cosiddetto “processo Mills”.

Secondo l’accusa la rimozione della giornalista è la “conseguenza di una vendetta“, circostanza che, per il pm, configura per l’imputato il reato di abuso d’ufficio alla luce del ruolo di direttore di una testata del servizio pubblico ricoperto all’epoca dei fatti. Di recente la Cassazione ha reso definitiva la condanna per peculato dell’ex direttore del Tg1 a due anni e mezzo di reclusione per aver utilizzato in maniera impropria la carta di credito che gli era stata fornita dall’azienda per le spese di rappresentanza. “Sono allibito – ha commentato Minzolini – me l’hanno appena comunicato i miei avvocati, è pura follia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS