LIBIA, I FRATELLI MUSULMANI ACCOLGONO KOBLER: “SIA IMPARZIALE NELLA MEDIAZIONE” Il gruppo islamista critica l'operato di Leon: "Non è stato obiettivo. Il Paese ha bisogno di una riconciliazione per essere libero"

351
kobler

“Solo una mediazione imparziale risolverà la crisi attualmente in corso in Libia”. Lo hanno detto i Fratelli Musulmani a proposito del nuovo inviato Onu, Marti Kobler. In una nota diffusa alla stampa, il gruppo islamista libico ha accusato il rappresentante uscente delle Nazioni Unite, lo spagnolo Bernardino Leon, di “non essere stato obiettivo e le recenti rivelazioni giornalistiche sul suo incarico negli Emirati ne sono una prova”. I Fratelli musulmani apprezzano comunque il ruolo delle Nazioni Unite e chiedono la prosecuzione del dialogo promosso dalla Comunità internazionale per giungere ad un accordo equo di riconciliazione per “costruire un nuovo paese libero che si basi sulla legge e sulla Costituzione”.

Il diplomatico spagnolo Bernardino Leon, che ha terminato da poco il suo mandato di inviato dell’Onu per la Libia, è stato nominato direttore dell’accademia diplomatica degli Emirati Arabi Uniti con sede ad Abu Dhabi. Lo ha annunciato la stessa accademia governativa emiratina in una nota. Leon dovrà quindi tenere corsi per i diplomatici emiratini sia in patria che all’estero. La nomina è avvenuta da parte del ministro degli Esteri emiratino Abdullah Bin Zayd al Nahyan che è anche presidente del Consiglio d’amministrazione dell’accademia in quanto “l’esperienza accumulata da Leon sarà certamente un tesoro importante per lo sviluppo di una nuova classe di diplomatici” come spiega il ministro nella nota.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS