ANTICIPI DI SERIE A, VERONA KO, IL MILAN PAREGGIA A SAN SIRO Seconda vittoria consecutiva per i rossoblu, la squadra si Mihajlovic grazie Donnarumma salvano lo 0-0

367

Gli anticipi di Serie A di questa dodicesima giornata di campionato sono stati decisivi perché mettevano in palio punti importanti per non retrocedere. Mandorlini cerca la prima vittoria della stagione al Bentegodi, anche se continua l’emergenza dell’attacco con Toni ancora fuori. Out anche Marquez e Viviani. Il tridente del Verona è stato dunque affidato a Pazzini, supportato da Jankovic e Juanito Gomez. Dondadoni cambia completamente lo schema del Bologna: in difesa Maietta con Rossettini. In campo anche Giaccherini, Destro e Brienza, tutti a segno nell’ultimo turno.

Il modulo di Donadoni funziona, e i rossoblu trovano la seconda vittoria consecutiva, imponendosi contro l’Hellas Verona per 2-0, grazie alle reti di Giaccherini e Donsah. Importante balzo in avanti per il Bologna in classifica, che salgono a quota 12. Fermi a quota 6, invece, i ragazzi di Mandorlini. Nella serata, il Milan ha ospitato a San Siro l’Atalanta. Sinisa schiera Donnarumma, De Sciglio, Mexes, Romagnoli, Antonelli, Kucka, Montolivo, Poli, Cerci, Bacca, Niang. Reja risponde con Sportiello, Raimondi, Paletta, Toloi, Drame’, Grassi, De Roon, Cigarini, Moralez, Pinilla, Gomez.

L’Atalanta ha dominato il Milan, ma il portiere rossonero Donnarumma, a soli 16 anni, è riuscito a salvare lo 0-0 per la sua squadra di casa. I ragazzi di Mihajlovic sono scesi in campo con poche idee e scarsa energia. Non è arrivata la quarta vittoria di fila e rimangono fermi in classifica a quota 20 punti, a -4 dalla vetta. Il gran lavoro della squadra di Reja non ha prodotto 3 punti, meritati dai nerazzurri, ora all’ottavo posto a quota 18 punti. Milan-Atalanta finisce con qualche minuto d’anticipo per Sinisa Mihajlovic. L’allenatore rossonero è stato infatti espulso al 43′ del secondo tempo per un gesto di stizza in seguito a una decisione dell’arbitro Giacomelli nei. Il serbo ha protestato prima a parole e poi ha tirato un calcio a una bottiglietta d’acqua nella sua area tecnica.

“Mi spiace per la gara: abbiamo avuto almeno quattro opportunità da rete e non l’abbiamo messa dentro. Dopo una gara del genere è impossibile non vincere, questo mi fa rabbia perché lo meritavamo”. Così commenta l’allenatore Edy Reja il match, al termine del quale ha ricevuto i complimenti da Berlusconi: “È entrato nel nostro spogliatoio e ha fatto i complimenti a tutti – dice il tecnico dell’Atalanta -, me compreso: si è dimostrato un grande presidente e un grande signore, l’abbiamo applaudito tutti”. Tornano alla partita dice: “Nel secondo tempo abbiamo praticamente schiacciato una squadra come il Milan e questo ci deve riempire d’orgoglio. Peccato perché avremmo migliorato miglior sorte: giocare per novanta minuti come abbiamo fatto noi e non concretizzare lascia un po’ di amaro in bocca”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS