SCOPERTA LA “CENTRALINA” CHE INNESCA IL PRURITO Si trova nel midollo spinale

347

Si trova nel midollo spinale la “centralina” che controlla lo stimolo del prurito. A due anni dalla scoperta delle molecole che sono alla base della – fastidiosa – sensazione, è stato ricostruito il circuito nervoso che spinge l’essere umano a grattarsi. La nuova scoperta, pubblicata sulla rivista Science, si deve ai ricercatori coordinati da Steeve Bourane, dell’istituto californiano Salk.

Gli studiosi hanno dimostrato che la sensazione del prurito innescata in modo meccanico (per esempio dalla pressione di una mosca che si posa su un braccio) coinvolge neuroni diversi rispetto a quella generata per via chimica (come la puntura di un insetto). Conoscere questa differenza potrà aiutare le persone per le quali il prurito è un problema serio, collegato a malattie gravi come diabete, sclerosi multipla e alcune forme di cancro.

“È il primo studio che rivela la presenza di un percorso nervoso specifico per questa particolare sensazione”, ha spiegato uno degli autori, Martyn Goulding, durante un’intervista. “Il circuito – prosegue – molto probabilmente si è evoluto per rilevare la presenza delle punture degli insetti sulla pelle e la sua ‘iperattivazionè provoca un aumento dell’impulso di grattarsi simile a quello delle persone che soffrono di prurito cronico”.

Identificato nei topi, il circuito è formato da cellule chiamate neuroni “intermediari” che trasmettono le informazioni sensoriali della pelle grazie a una proteina messaggera chiamata Npy. “In futuro – ha concluso Bourane – potremmo modificare l’attività di questi neuroni per aiutare le persone che soffrono di prurito cronico”. Una bella notizia per chi soffre di una malattia spesso sottovalutata ma che può arrivare a essere invalidante.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS