CRISI SIRIANA, WASHINGTON INVITA L’IRAN AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE DI VIENNA Teheran ha annunciato che prima di partecipare ai lavori gli Stati Uniti e i loro alleati dovranno riconoscere i loro errori commessi nel Paese

341

Anche l’Iran parteciperà al tavolo delle trattative sul futuro della Siria. Ad invitare i rappresentanti di Teheran è stata la’amministrazione di Obama. Il tavolo dei colloqui si terrà a Vienna e parteciperà anche la Russia, insieme all’Iran, alleata di Bashar Assad. La notizia dell’invito è stata riferita dal portavoce del dipartimento di Stato, John Kirby, che ha spiegato che ancora non c’è stata una risposta ufficiale. Anche se da parte dell’Iran non c’è ancora c’è stata una risposta ufficiale dell’Iran, il solo invito rappresenta una svolta nella diplomazia della regione che vede l’Iran sdoganato dopo l’intesa sul suo programma nucleare del 14 luglio scorso.

“La ragionevolezza è la chiave per una soluzione alla crisi siriana”. Lo scrive l’agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna dopo che ieri è arrivata l’apertura di Washington alla partecipazione iraniana ai colloqui internazionali sul futuro della Siria. Per l’Irna si tratta del “primo segnale di raziocinio”. L’Iran è il più forte sostenitore del regime siriano di Bashar al-Assad. L’Irna scrive oggi che gli Usa e i loro alleati devono riconoscere gli errori commessi in Siria, dove si contano oltre 250mila morti nel conflitto esploso nel 2011 sulla scia di proteste antigovernative, prima che l’Iran possa divenire un partner a pieno titolo.

Il prossimo round di colloqui sulla crisi siriana si apre domani sera a Vienna e vi prendono parte, tra gli altri, il segretario di Stato degli Usa, John Kerry, e il ministro russo degli Esteri, Sergei Lavrov, che nelle ultime ore ha avuto un colloquio con il capo della diplomazia iraniana Mohammad Javad Zarif. Ieri il portavoce del Dipartimento di Stato John Kirby ha sottolineato che “spetta ai leader iraniani” decidere se partecipare o meno ai colloqui. Ad opporsi alla partecipazione della Repubblica Islamica è soprattutto l’Arabia Saudita.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS