LUNEDÌ 07 GENNAIO 2019, 15:16, IN TERRIS


F1

Rivoluzione Ferrari: via Arrivabene, c'è Binotto

Cambia il team principal: il bresciano lascia il posto, dopo 4 anni, all'ex direttore tecnico

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mattia Binotto
Mattia Binotto
L

a Ferrari inizia il nuovo anno con l'obiettivo di rinnovarsi e far meglio di quello precedente, iniziato con grandi prospettive e concluso con l'amara constatazione di una Mercedes sì ancora su ben altri standard, ma con la sensazione che la distanza fra le due vetture non fosse così netta. Ora, trascorse le festività natalizie con una serie di interrogativi ai quali dare risposta, a Maranello arriva anche un cambio di pagina che, forse, non era poi così inatteso: Maurizio Arrivabene saluta, lasciando il posto all'attuale direttore tecnico Mattia Binotto, per una rivoluzione, per così dire, "fatta in casa". I rapporti fra il team principal uscente e la Ferrari erano dati in fase di collisione da tempo e il mancato rinnovo del contratto ha messo il punto su una collaborazione che, solo poco tempo fa, appariva tutt'altro che in bilico. Ora, a due mesi dal via del nuovo Mondiale di Formula 1, a Maranello va in scena un rinnovamento in toto, con il cambio di marcia che inizia dai vertici del team.


Rapporto concluso

Si chiude in modo amaro una storia, quella di Arrivabene, durata 4 anni e fatta di alterne fortune, e solo da un punto di vista qualitativo perché, a livello di titoli, è dal 2008 che in Ferrari non si mette nulla in bacheca (l'ultimo fu il Mondiale costruttori nel 2008, prima di cedere il passo all'interregno della Brawn e a quelli ben più lunghi di Red Bull prima e Mercedes poi). Nonostante questo, sull'interruzione dei rapporti con Arrivabene potrebbe aver pesato proprio l'andamento degli ultimi due Mondiali, nei quali la macchina sembrava in grado di competere con le Mercedes o, perlomeno, di giocarsi il titolo fino all'ultimo, come accaduto sotto la gestione di Domenicali e con una vettura ritenuta meno competitiva, all'epoca (2012 e 2013) affidata a Fernando Alonso.


La mission

Tutto in mano a Binotto ora, ferrarista di lungo corso (approdato a Maranello nel 1995) e approdato al top dopo una lunga gavetta. A lui, che Marchionne aveva già individuato come possibile uomo del futuro, il compito difficile di riportare il titolo in Ferrari (quello Piloti manca addirittura dal 2007) e rinsaldare, da ingegnere, l'asse fra team e piloti, oltre che infondere in Vettel una nuova fiducia in vista dell'atteso Mondiale 2019, quello che dovrà azzerare il margine di 88 lunghezze del 2018 (sicuramente meno veritiere rispetto alla loro portata) e riportare la Ferrari finalmente ai vertici.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
NERA

Lancia la figlia di 16 mesi dal balcone, poi tenta suicidio

Ancora poco chiaro il movente che ha spinto l'uomo al tragico gesto
Giornalismo
IL CASO

Caso Mihajlovic-Zazzaroni. Il confine scivoloso fra professione e amicizia

La difficile battaglia del mister, le scuse del giornalista: i complessi corollari di un dramma che diventa polemica
La sindaca Chiara Appendino
PIEMONTE

Torino, Appendino "licenzia" il vice sindaco

Per Guido Montanari fatali i contrasti sul Salone dell'Auto
Il Presidente Sergio Mattarella tra gli scuot
QUIRINALE

Mattarella: "Sottolineate la bellezza della condizione umana"

Il capo dello Stato agli scout: "Vivere insieme serenamente fa vivere meglio tutti"
MOBILE

Huawei investe in Italia: "Tre miliardi in tre anni"

Il colosso cinese pronto al piano europeo. Miao (Ceo Italia): "Previsti oltre 1000 posti di lavoro diretto"
Il Castello Aragonese ad Ischia
EVASIONE FISCALE

Ischia: sequestrato il Castello Aragonese

Due militari delle Fiamme Gialle in servizio a Napoli accusati di corruzione
Un momento delle esequie di Alessio, ieri a Vittoria
LOTTA ALLA MAFIA

La parte buona di Vittoria contro i boss

Il Prefetto Dispenza a In Terris: "Vittoria non merita di essere ostaggio dei criminali"
Luca Traini, il secondo da destra
GIUSTIZIA

Traini, la Cassazione gli nega i domiciliari

L'uomo resterà nel carcere di Montacuto di Ancona
Militari dell'Esercito
PARLAMENTO

Verso l'approvazione dei sindacati militari

Domani la proposta di legge in commissione Difesa. M5s: "Anche la Lega d'accordo, siamo soddisfatti"
Diploma di laurea
RAPPORTO ANNUALE

Istat: cresce il numero di chi abbandona gli studi

Italia prima per ‘neet’, i giovani di 15-29 anni non occupati e non in formazione
INDAGINE

Arresti e sequestri fra i militanti di estrema destra

Operazione coordinata dalla Digos di Torino, in manette Fabio Del Bergiolo
Domenico “Mimmo” Massari e Deborah Ballesio
FEMMINICIDIO

Savona: si è costituito Domenico Massari

Aveva sparato all’ex moglie, Deborah Ballesio, uccidendola mentre lei era a un karaoke
Salvini incontra le parti sociali al Viminale, alla sua sx Siri e Durigon
VIMINALE

"Vogliamo fare la manovra ad agosto"

Lo dice il vicepremier Salvini alle parti sociali, alle quali l'ex sottosegretario Siri illusta la flat tax
Ragno vedova nera
ITALIA

Incubo vedova nera: cosa c'è da temere

A Barletta un uomo salvato in extremis dopo la puntura del ragno. L'esperto: "Estate a rischio"
Il duomo di Benevento
OFFERTA CULTURALE

Benevento, aperta una nuova sala nel Museo diocesano

Lo spazio è stato pensato per offrire un ampio patrimonio artistico
Maria Elena Boschi e Paola Taverna

Che confronti

La vicenda annosa, tutta italiana, di un numero esteso di giovani disoccupati, che però non sono in grado di...