Premier League, il Chelsea valuta l’esonero di Conte: Abramovich pensa a Tuchel

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:54

Antonio Conte, il vincitore della Premier League 2017, rischia di perdere la panchina del Chelsea.O almeno è quello che pensa SportBild, magazine tedesco che annuncia l’arrivo di Thomas Tuchel Londra come nuovo ct della squadra londinese.

Trattativa in corso

Tuchel, che ha lasciato il Borussia Dortmund al termine della stagione scorsa, secondo quanto riportato dal giornale tedesco, sarebbe stato già contattato dai blues e “congelato”. A intraprendere la trattativa sarebbe stata Marina Granovskaia, braccio destro del magnate Roman Abramovich, patron del Chelsea. I rapporti tra Conte e i vertici dei blues, scrive SportBild, “rimangono a dir poco complicati nonostante un contratto da poco rinnovato. Dopo le tensioni per la gestione del mercato, è arrivato l’altalenante avvio di stagione con la sconfitta nel Charity Shield con l’Arsenal e il k.o. all’esordio in Premier League contro il Burnley, riscattato dal successo esterno sul campo del Tottenham. Le divergenze, a quanto pare, riguardano la programmazione del futuro. Conte chiederebbe alla società rinforzi per puntare subito al top in Europa. Tuchel, invece, sarebbe l’uomo giusto per sviluppare un progetto con giovani emergenti“.

Il futuro di Conte

Quando l’ex ct azzurro ha sollevato al cielo la coppa della Premier League, Abramovich era disposto a tutto pur di trattenere l’artefice del sesto titolo nazionale dei Blues. Il patron aveva intenzione di accontentare ogni richiesta di Conte pur di trattenerlo a Londra, e respingere così le interferenze dell’Inter. Scontata la sua intenzione di restare allo Stamford Bridge e giocarsi da protagonista la Champions League.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.